Olivero sul fisco: bene inversione di rotta (Radio Vaticana)

Il presidente delle Acli intervistato da Radio Vaticana commenta le modifiche in corso alla Legge di stabilità e smentisce il sostegno dell’associazione alla candidatura di Albertini in Lombardia.

La Commissione Bilancio della Camera ha dato via libera all’emendamento che istituisce dal 2013 un fondo per il calo delle tasse, alimentato con le maggiori entrate dalla lotta all’evasione, dal calo degli spread e dalla riduzione degli sconti fiscali. Per Andrea Olivero: “Era necessario e direi anche urgente che ci fosse questa inversione di rotta e che, in particolare, si prendesse atto che è necessario creare un nuovo patto fiscale con i cittadini, perché se è vero che bisogna chiedere e assolutamente pretendere che ci sia trasparenza, che si paghino le tasse, che si vada a essere diligenti su questi aspetti, dall’altro lato bisogna anche garantire una maggiore equità e questa passa soltanto attraverso un’attenzione a far sì che la tassazione non venga a gravare essenzialmente sui redditi da lavoro, come è oggi, ma invece sui patrimoni”.Il presidente delle Acli parla quindi dell’iniziativa politica nata dopo l’incontro di Todi e smentisce le voci di un appoggio ad Albertini alle regionali in Lombardia. “Questi sono elementi che sono usciti in maniera affrettata e non corretta. Io credo che a noi competa, in questo momento, discutere di programmi, di proposte, di analisi e poi di nomi: andare a utilizzare il vecchio modello – quello leaderistico – quasi che una brava persona – come certamente lo è Albertini – possa risolvere i problemi della politica, è un modo – a parer nostro – sbagliato. Crediamo che sia necessario aprire un confronto serio tra le nostre organizzazioni e soprattutto con la politica e, sulla base di questo, andare poi a trovare le convergenze e dare eventualmente il nostro sostegno”.
L’intervista integrale

Olivero sul fisco: bene inversione di rotta (Radio Vaticana)
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR