Padova: Fondo straordinario di solidarietà

Le Acli di Padova confermano l’impegno nel progetto Fondo straordinario di solidarietà promosso, a partire dal 2009, dalla Fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo per fornire un aiuto concreto alle famiglie in difficoltà a causa della perdita o della precarietà del lavoro e prive del sostegno degli ammortizzatori sociali.Nei primi mesi del 2012, nel territorio padovano, il progetto che vede la collaborazione delle Diocesi di Padova, Rovigo e Chioggia, della Camera di Commercio e delle Province di Padova e Rovigo, della Fondazione Antonveneta e del Consorzio per lo sviluppo del Polesine, ha consentito di attuare misure di accompagnamento e reinserimento lavorativo, con l’assegnazione di 98 borse lavoro, 218 voucher e la realizzazione di 27 corsi di formazione, 14 progetti di pubblica utilità e 9 progetti di inserimento tramite il coinvolgimento di aziende e agenzie per il lavoro.Un ruolo importante è svolto dalla Caritas e dalle Acli, incaricate di organizzare gli Sportelli di solidarietà per il lavoro che svolgono la funzione di ascolto e orientamento degli utenti, oltre ad avere il compito di valutare i potenziali beneficiari delle iniziative di sostegno. Per accedere al fondo, infatti, deve essere presentata una documentazione che attesti i requisiti richiesti.E’ prevista un’erogazione mensile massima di 500 euro, con una soglia complessiva di 2.500 euro a richiedente.

Padova: Fondo straordinario di solidarietà
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR