Papa – Per le Acli Bologna esempio di modernità

«Indubbiamente molto colpiti dal gesto di Benedetto XVI, riconosciamo in esso la conferma della grande modernità di questo Papa». Queste le parole del presidente provinciale delle Acli di Bologna, Filippo Diaco, all’apprendere la notizia delle dimissioni del Santo Padre. «Questo Papa – continua ancora il presidente Diaco – è spesso stato ingiustamente tacciato di essere troppo conservatore, quasi reazionario rispetto a certe posizioni del suo predecessore. In questo gesto vediamo, al contrario, la grande modernità di un Papa che non si è risparmiato per la Chiesa e i suoi fedeli, ma che, evidentemente, ha sentito ora troppo gravoso in relazione al suo stato di salute il compito che gli è stato affidato». «Ogni decisione del Pontefice è guidata dallo Spirito Santo che, come sappiamo noi cattolici, è infallibile in materia di fede – ha ricordato Diaco – dunque non dubitiamo minimamente che questa possa essere la scelta più giusta per il bene della nostra Chiesa». «Siamo certi – continua Diaco – che il Santo Padre, che ha dimostrato di avere tanto a cuore il bene della sua Chiesa da fare una rinuncia così difficile, non farà mancare ai fedeli la sua preghiera costante. Questa scelta coraggiosa ricorda a tutti i cattolici, che si trovano a vivere in tempi non facili, che la nostra Fede non si fonda sui personalismi ma sulla logica del servizio e dell’amore per il prossimo». Ha concluso Diaco: «Siamo dunque grati a Benedetto XVI per questo esempio e, ancor prima, per tutto quello che ha fatto in questi anni di pontificato».

Papa – Per le Acli Bologna esempio di modernità
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR