Pensione di vecchiaia a 66 anni di età

Sono nato nel marzo 1951, e al 30 giugno 2013 avrò 35 anni di contributi, compreso il servizio militare. Quando potrò andare in pensione  ? 
Per effetto della manovra “Salva Italia”, l’età della pensione di vecchiaia, per gli uomini, è stata fissata a 66 anni. La decorrenza della pensione viene poi fatta slittare nel tempo di alcuni mesi a causa dell’adeguamento dovuto alla cosiddetta “speranza di vita”: per gli anni 2013, 2014 e 2015 tale adeguamento ammonta a 3 mesi.
Dal 2016, se l’età media delle persone risulterà ulteriormente aumentata, un provvedimento specifico sposterà la decorrenza della pensione ancora più in avanti nel tempo: al momento si ipotizza che da tale anno l’allungamento passerà da 3 a 7 mesi.
Se l’interessato compirà 66 anni a marzo 2017, allungando di 7 mesi ancora l’accesso al pensionamento, è verosimile che la pensione di vecchiaia avrà decorrenza dal 1° novembre 2017, tenendo anche conto che continuando in futuro a lavorare senza interruzioni contributive, perfezionerà, al pensionamento, un’anzianità contributiva di 39 anni e alcuni mesi.
Ma si tratta di un’anzianità insufficiente per ottenere la pensione “anticipata”, considerato che per tale pensione la legge fissa, per gli uomini, il limite minimo di 42 anni di contribuzione, al quale si aggiunge, anche in questo caso, un certo numero di mesi legati all’adeguamento alla “speranza di vita”.
 
Per informazioni: www.patronato.acli.it

Pensione di vecchiaia a 66 anni di età
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR