Perugia: Immigrati +3% nell’Eugubino-gualdese

22 dicembre 2010 – Nell’Alta Flaminia nell’ultimo anno sono aumentati gli immigrati del 3% arrivando a 6.162 persone. Lo dice l’ottavo “Censimento degli immigrati sul nostro territorio” presentato il 21 dicembre a Gubbio, in provincia di Perugia, e curato come di consueto dal circolo Acli “Ora et labora” di Fossato di Vico.Il censimento, relativo all’anno 2010, esamina la situazione del territorio eugubino-gualdese, composto dai comuni di Gubbio, Fossato di Vico, Sigillo, Scheggia, Costacciaro Valfabbrica, Gualdo Tadino e Nocera Umbra: complessivamente la popolazione immigrata, 3.321 donne e 2.841 uomini, raggiunge il 9,24% della popolazione totale.

Rispetto al 2009, la quota maschile scende dello 0,7%, le donne e i bambini aumentano rispettivamente dello 0,7% e dello 0,35%.Fossato di Vico, Gualdo Tadino e Nocera Umbra sono i comuni dove l’incidenza degli immigrati è più alta: a Fossato di Vico i cittadini stranieri sono 543, cioè il 18,78% su una popolazione di 2.891 persone, a Gualdo Tadino sono 1.913 corrispondenti all’11,88% di una popolazione di 15.834 persone, a Nocera Umbra i 679 immigrati rappresentano l’11,05% della popolazione composta da 6.145 individui.In termini assoluti, Gubbio con 2.373 immigrati, pari al 7,19% su una popolazione di 33.022 persone, ha il numero più alto di cittadini stranieri.I rumeni sono l’etnia maggioritaria con 19,1%, seguiti da albanesi (19,0%) e marocchini (14,7%).

Perugia: Immigrati +3% nell’Eugubino-gualdese
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR