Pesaro: Lavoro e crisi al centro del 24° congresso

48 circoli, 6.200 soci con un’età media di 40 anni. Il 20% degli aclisti pesaresi sono giovani tra i 16 e i 29 anni. È questa la fotografia delle Acli di Pesaro Urbino presentata il 18 marzo durante il 24° congresso associativo che si è tenuto al Santuario della Madonna del Pelingo di Acqualagna (Pu). Il congresso presieduto da Giuseppe Failla presidente nazionale dei Giovani delle Acli e da Gastone Mosci delle Acli di Urbino è ha iniziato con il ricordo di Gino Girolomoni, aclista morto di recente, testimone dei i valori cristiani e dell’importanza della “madre terra”, e sostenitore dell’agricoltura biologica. La mattinata è proseguita con la relazione di Maurizio Tomassini sul tema del congresso: “Rigenerare comunità per ricostruire il paese”. Lavoro, crisi, giovani e welfare sono stati i temi più toccati nel suo discorso, ma anche negli interventi dei partecipanti.Al termine del congresso l’assemblea ha votato i delegati al congresso regionale che si terrà il 15 aprile a Fermo e a quello nazionale a Roma (dal 5 al 7 maggio prossimo), oltre ai mebri del consiglio provinciale del prossimo quadriennio. I consiglieri eletti si incontreranno il 24 marzo per votare il presidente provinciale delle Acli pesaresi.

Pesaro: Lavoro e crisi al centro del 24° congresso
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR