Povertà: “La più grande riforma mai realizzata in Italia”

La piu’ grande riforma mai realizzata per i poveri in Italia“, un mix di soldi e servizi da destinare a tutte le famiglie che vivono in condizione di povertà “assoluta”, che non dispongono cioè – secondo la definizione dell’Istat – dei “beni e servizi necessari a raggiungere un livello di vita minimamente accettabile”.E’ questo il piano triennale presentato dalle Acli a Roma con il convegno “La Poverta’ oltre la crisi” alla presenza del ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi.  Un progetto elaborato in collaborazione con un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Cristiano Gori dell’Università Cattolica di Milano. Si parte dall’infrastruttura esistente della Carta Acquisti – introdotta dal Governo nel 2008 – correggendola e potenziandola fino da trasformarla nella Nuova Social Card. Alla conclusione del triennio, l’utenza della nuova Carta sarà costituita da tutte le famiglie che vivono in povertà assoluta (il 5,1% del totale, circa tre milioni di persone), comprese le famiglie di immigrati stabilmente residenti. Aboliti i limiti di età che oggi consentono di accedere alla Social Card solo alle persone con più di 65 anni o meno di 3 anni. 

L’importo medio passerà da 40 a 129 euro mensili, ma sarà più elevato per le famiglie in condizioni di maggiore povertà. L’importo e la soglia di accesso varieranno in base al costo della vita nel territorio di residenza. Al trasferimento monetario si accompagneranno i servizi alla persona, con la regia dei Comuni. Per ogni famiglia un operatore compirà una valutazione del caso e la indirizzerà – quando necessario – ai servizi utili (formazione, inserimento professionale, cura). Il Terzo settore avrà un ruolo centrale nella rete dei servizi così costruita. La nuova Social Card costituirà il primo livello essenziale sociale introdotto in Italia e sarà oggetto di un’intensa attività di monitoraggio e valutazione, che interagirà strettamente con la gestione del piano. Per finanziarlo servono 787 milioni di euro addizionali in ognuno dei tre anni: a regime si arriva a 2,36 miliardi annui. Gli stanziamenti saranno trovati recuperando risorse da altre voci del bilancio pubblico. L’Italia è l’unico Paese dell’Europa a 15, con la Grecia, a non avere una misura generalizzata di contrasto alla povertà. Il Piano costituirebbe la più incisiva riforma a favore delle famiglie in povertà della nostra storia, con un incremento di reddito del 18% e la possibilità di ricevere servizi alla persona.(in allegato la sintesi della proposta delle Acli)

Povertà: “La più grande riforma mai realizzata in Italia”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR