Proteste pastori sardi: la solidarietà di Acli Terra

Continua la protesta del Movimento dei pastori sardi, dopo la manifestazione di ieri a Cagliari e gli scontri che sono seguiti. Oggi, i rappresentatnti del movimento non hanno rinunciato all’occupazione di alcuni locali del Consiglio regionale sardo.
Il presidente nazionale di Acli Terra, Michele Zannini, intervendo oggi in una conferenza stampa organizzata dalle Acli sarde, ha dichiarato la solidarietà e il sostegno di tutti i lavoratori di Acli Terra alle ragioni dei pastori sardi, in agitazione per la grave crisi che attanaglia il comparto ovicaprino nell’Isola e in tutta Italia.
Acli Terra auspica che la vertenza tra produttori e industriali trovi una giusta ed equa composizione, per un’intesa che renda più praticabile il percorso di rilancio del comparto, a partire dalla dichiarazione dello stato di crisi.
Acli Terra auspica, altresì, che il ddl all’ordine del giorno dei lavori del Consiglio regionale sardo, specifico per il riordino del comparto – che mette in campo 110 milioni di euro da impegnare entro il 2013 – sia approvato.
Per Zannini “la vicenda dei pastori in lotta per vedersi riconosciuti atti di giustizia non può essere declassata a questione di ordine pubblico, mentre è vitale che, rispetto alla grave crisi in cui si dibatte l’agricoltura italiana, riprendano segni di attenzione politica, ad ogni livello istituzionale, sulla funzione di straordinario valore economico, ma anche sociale e civile, di un’agricoltura inconfondibile per le qualità e le tipicità che sa produrre e custodire”.

Proteste pastori sardi: la solidarietà di Acli Terra
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR