Questi è il Figlio di Dio, luce delle nazioni

19 gennaio 2011 – II domenica del tempo ordinario – anno AGesù è servo di tutte le nazioni che illumina con il suo amore.Giovanni 1,29-34
In quel tempo, 29 Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! 30 Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. 31 Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».

Giovanni Battista attesta che Gesù è il salvatore. Egli riconosce in lui, ispirato dallo Spirito di Dio, l’agnello di Dio che toglie il peccato del mondo. Gesù è assimilato qui all’agnello pasquale, il cui sangue – spalmato sugli stipiti delle porte – è motivo di salvezza. L’angelo di Dio, passando in Egitto, risparmierà i primogeniti d’Israele proprio vedendo quel sangue sulle porte (Es 12,21-34). Gesù è l’agnello che dona il suo sangue per risparmiare il peccatore dalla morte a causa del suo peccato. ([downloadacli menuitem=”334″ downloaditem=”3144″ direct_download=”true”]leggi tutto[/downloadacli])

Questi è il Figlio di Dio, luce delle nazioni
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR