Quirinale, dalle Acli non nomi ma criteri. Sì al ritorno di un cattolico sul Colle

In merito all’articolo pubblicato sull’Huffington Post in data odierna a firma di Pietro Salvatori intitolato «Quirinale: i cattolici bocciano l’alternanza laico-cattolico: “Non è un criterio”. Freddezza su Mattarella, l’ex Dc non entusiasma», il presidente nazionale delle Acli Gianni Bottalico dichiara:

«In nessun modo le dichiarazioni rilasciate all’Huffington Post dal signor Gianluigi De Palo ed in particolare le opinioni di costui su Sergio Mattarella, riflettono la posizione delle Acli in merito alla elezione del nuovo Capo dello Stato.

Le Acli non esprimono preferenze sui possibili candidati alla successione di Napolitano, indicano piuttosto dei criteri relativi alla capacità di unire il Paese e di gestire con saggezza e fedeltà agli interessi nazionali una fase eccezionalmente difficile tanto sul versante interno che su quello internazionale. Da questo punto di vista le Acli credono che Sergio Mattarella, cui rinnovano la stima e la riconoscenza per lo spirito di servizio reso nelle istituzioni, insieme a diverse altre personalità di estrazione cattolica, posseggano i requisiti giusti per il Quirinale».

Quirinale, dalle Acli non nomi ma criteri. Sì al ritorno di un cattolico sul Colle
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR