Ravenna: Firmare per abrogare la legge elettorale

Firmare per abrogare l’attuale legge elettorale. Lo chiedono le Acli di Ravenna invitando i cittadini a recarsi agli appositi banchetti per la raccolta firme visto che il referendum abrogativo è “l’unico strumento che hanno i cittadini per far valere le proprie convinzioni in materia legislativa”. “La legge elettorale vigente – spiegano le Acli Ravenna con una nota del 12 settembre – contiene un limite evidente alla libera espressione della volontà dei cittadini nel nominare i propri rappresentanti al Parlamento”. Non sono infatti i cittadini a scegliere i loro rappresentanti, lamentano le Acli provinciali, “poiché la scelta è fatta dalle segreterie dei partiti e l’ottanta per cento degli eletti sono già noti ancora prima che si aprano i seggi”.

“Da quando nel 2005 entrò in vigore questa legge – scrivono ancora le Acli Ravenna –, nessuna maggioranza l’ha voluta cambiare, nemmeno quella di centro sinistra. Anche recenti tentativi hanno prodotto sterile dibattito e hanno dimostrato una volta di più che le forze politiche presenti in Parlamento non riusciranno a portare a compimento una riforma elettorale” che permetta all’elettore di scegliere il proprio rappresentante. “A diciotto mesi dalla fine della legislatura – concludono le Acli – appare troppo elevato il rischio di dover tornare alle urne e votare con il “Porcellum” per cui i tempi e le modalità giuste ora sono solo quelle del ricorso alla via referendaria”.

Ravenna: Firmare per abrogare la legge elettorale
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR