Ravenna: Maria Eletta Martini esempio di onestà e lealtà

Il 29 dicembre 2011 è scomparsa, all’età di 89 anni a Lucca, l’on. Maria Eletta Martini, staffetta partigiana durante la guerra, politica e vicepresidente della Camera dei deputati dal 1978 al 1983. “Impossibile dimenticarla e doveroso ricordarla – è il commento di Raffaele Clò, presidente delle Acli di Ravenna –. Maria Eletta Martini è stata una donna di politica vera, quella pensata, programmata e realizzata per gli italiani. Un esempio di onestà e lealtà nei confronti dei cittadini, una Signora dell’Italia. La sua figura ci ricorda che si può ancora fare politica fuori dagli schemi dell’individualismo per aprirsi al bene comune”. Tra i molti i ricordi che le Acli provinciali hanno di questa donna, due spiccano su tutti: il lavoro della Martini nella segreteria della Dc quando Benigno Zaccagninini ne era segretario e il suo impegno politico per il volontariato. “La Martini – spiega Clò – contribuì infatti in maniera determinante alla stesura della legge quadro 266/91 e alla fondazione del Centro nazionale del volontariato di Lucca”. Inoltre, l’onorevole fu a fianco delle Acli di Ravenna in diverse occasioni. Tra queste vanno ricordate la cerimonia di apertura del corso per volontari aclisti, avvenuta il 22 gennaio 1993, e l’incontro per la nascita dell’Associazione volontari aclisti che si occupa dei servizi di accoglienza turistica a Ravenna.

Ravenna: Maria Eletta Martini esempio di onestà e lealtà
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR