Ci piace vincere facile

L’anno scorso un consigliere leghista di Padova chiese al Comune di non finanziare la maratona cittadina perché “vincono sempre gli africani”. Quest’anno sembra che la Fidal (Federazione italiana di atletica leggera) abbia raccolto l’idea.

La Federazione ha infatti emanato nuovo regolamento delle corse su strada per il 2012 (consultabile sul sito www.fidal.it) che stabilisce che atleti stranieri non possono gareggiare a competizioni fuori dalla loro regione di residenza. Ma non solo questo. Se uno straniero raggiunge il podio non deve essere premiato. I premi sono riservati ad atleti con cittadinanza italiana, tesserati per società affiliate alla Fidal.
Le stesse norme prevedono poi che alle manifestazioni regionali e provincali, nelle categorie esordienti, ragazzi, cadetti, tesserati per gli Enti di Promozione Sportiva (Sez.Atletica) possono gareggiare solo gli italiani.
 Gli addetti ai lavori hanno commentato le nuove disposizioni. Qualcuno, come Michele Marescalchi su La Gazzetta dello Sport, è sembrato entusiata all’idea. Il nuovo sistema – ha scritto – “premierà giustamente [sic] gli italiani spesso esclusi dai montepremi a vantaggio degli stranieri”. Altri, come il prof. Mauro Valeri, sociologo  ed esperto dell’UNAR, hanno colto l’incongruenza. (vedi  l’intervento di Valeri  “Due indizi fanno una prova”).Il provvedimento risulta particolarmente urtante perché, oltre a far saltare ogni bel discorso sul merito, l’agonismo e la partecipazione (temi forti non solo in campo sportivo ma nella vita sociale),  colpisce lo straniero anche in quanto persona economicamente più debole. E’ noto infatti che per allenarsi bastano un paio di scarpe (a volte nemmeno quelle) e non c’è bisogno di palestre, attrezzature o stabilimenti sportivi. Ed è quello che di solito fanno gli stranieri regolarmente presenti sul nostro territorio che nel fine settimana desiderano gareggiare e – perché no – vincendo, portare a casa qualche soldo. D’ora in poi sarà tutto fiato inutile. Speriamo che presto ci soccorra un po’ di buon senso. Ma, per acquisirlo, bisogna allenarsi.

Ci piace vincere facile
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR