Riflettori sulla famiglia

Il presente lavoro costituisce il primo numero della collana “Sperimentazione e innovazione sociale” e sintetizza i principali risultati del piano di monitoraggio realizzato a conclusione dell’iniziativa “Laboratori di comunità”. Il progetto ha come obiettivo principale quello di attivare, nei territori coinvolti, luoghi di incontro e di amicizia dove sperimentare e vivere l’appartenenza ad una comunità, offrire e ricevere solidarietà, trovare insieme risposte a bisogni specifici.

Dai dati raccolti emerge un profilo socio-demografico dei beneficiari piuttosto definito nei suoi tratti essenziali. Si tratta, in prevalenza, di donne abbastanza giovani, coniugate con uno o più figli, lavoratrici e con un alto livello di istruzione: madri di famiglia, dunque, spesso molto impegnate, ma che non trascurano di curare e soddisfare anche (e forse soprattutto) i bisogni dei propri cari.

Sul lato dei bisogni espressi dagli intervistati, buona parte dei soggetti coinvolti manifesta una necessità di aiuto e/o di prestazioni per sé e per la propria famiglia. Dall’insieme di queste richieste è possibile tratteggiare una gerarchia dei principali bisogni esplicitati agli operatori di progetto: la parte più consistente degli intervistati dichiara di avere la necessità di maggiori e migliori informazioni sui servizi specifici. L’opportunità di avere accesso ad attività dedicate ai bambini o di sostegno alla genitorialità è risultata, invece, l’esigenza principale di un altro gruppo di genitori, meno numeroso del primo, ma comunque significativo. A seguire, è emerso il bisogno di instaurare una relazione con altre famiglie, che sia fondata sullo scambio e sul reciproco confronto. Infine, un numero residuale di intervistati, ma non per questo meno importante, ha chiesto di partecipare ad attività ricreative. L’indagine si conclude con un’analisi di coerenza tra richieste fatte e servizi offerti, dalla quale è scaturito che nella grande maggioranza dei casi gli utenti hanno trovato ciò di cui avevano bisogno.
Oltre al monitoraggio, nella pubblicazione sono stati inserite alcune riflessioni svolte dai principali responsabili delle Acli Nazionali e un capitolo tecnico, in cui è stato esposto con precisione l’intero progetto, le sue fasi e la sua articolazione territoriale.

Riflettori sulla famiglia
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR