Rimini: le cartoline dell’8 marzo contro la violenza

“Le donne che hanno cambiato il mondo non hanno mai avuto bisogno di mostrare nulla, se non la loro intelligenza”. La  frase di Rita Levi Montalcini è riportata su una delle cartoline preparate in occasione dell’8 marzo dal Coordinamento donne Acli di Rimini, insieme ad Acli Arte e spettacolo e all’associazione culturale Consorzio dei Saperi e alla cooperativa Atlantide all’interno del progetto “Lascia un segno”.

L’idea è di far riflettere con una serie di cartoline colorate e attraverso la saggezza di persone famose su donne e violenza di genere. Le frasi sono tratte da Shakespeare, Maria Callas, Oriana Fallaci, Virginia Woolf, Eve Ensler e Ashley Montagu.

La violenza contro le donne, qualunque essa sia, fisica, psicologica, sessuale, è una violazione dei diritti fondamentali e tutti i cittadini sono chiamati a condannarla e a combatterla per far sì che il cambiamento non si fermi solo alle parole. Il linguaggio dell’arte, e dunque le cartoline, può aiutare le donne a esprimere le proprie emozioni, e nello stesso tempo è un modo per sensibilizzare la società sul problema “violenza contro le donne”.

Le cartoline sono distribuite gratuitamente in alcuni uffici e locali di Rimini: si trovano all’Urp, alla Biblioteca Gambalunga, nei locali commerciali che hanno aderito al progetto, nelle sedi del Patronato Acli e del Caf Acli di Rimini.

Rimini: le cartoline dell’8 marzo contro la violenza
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR