Roma: Al via “Job to go”

Avvicinare giovani e lavoro è l’obiettivo del progetto “Job to go, il lavoro svolta!” promosso dalle Acli di Roma insieme alla Cisl di Roma e Rieti e che avrà inizio il 29 ottobre con un incontro.

Secondo uno studio di Acli e Cisl nella fascia 15-29 anni la disoccupazione è passata dal 17,4% del 2008 al 33,3% del 2014 con un aumento del 15,8% in 7 anni. Per la stessa ricerca, 161.600 i giovani romani non studiano né lavorano.

Il progetto si svolgerà nelle parrocchie e nelle scuole superiori di Roma e prevede incontri educativi e informativi sul lavoro, tirocini estivi e stage, avvio di 3 corner point per aiutare i ragazzi a scrivere un curriculum e brevi percorsi psicologici per far conoscere ai giovani le loro risorse personali, comunicative e relazionali.

“Job to go – ha detto Lidia Borzì, presidente delle Acli di Roma – vuole essere una proposta educativa. È sotto gli occhi di tutti che il lavoro manca e quando c’è, spesso caratterizzato dalla precarietà, rischia di ridursi a mero scambio prestazione-compenso. Con questo progetto vogliamo rimettere al centro il lavoro quale perno di cittadinanza e sviluppo integrale della persona e della comunità, con un approccio valoriale, educativo e al tempo stesso concreto”.

All’incontro che si svolgerà alle 17.30 nella parrocchia Santa Maria Madre del Redentore in viale Duilio Cambellotti, 18 nel quartiere Tor Bella Monaca della capitale, sarà presente Agostino Vallini, cardinale vicario del papa per la diocesi di Roma.

Roma: Al via “Job to go”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR