Sardegna: Riformare formazione professionale

80 lavoratori della formazione professionale sarda rischiano di trovarsi senza lavoro a fine giugno. Il 30 del mese scadono infatti gli ammortizzatori sociali in deroga e i lavoratori si troveranno senza soluzione. “Ormai da tempo è chiaro a tutti che la Sardegna ha bisogno di una seria riforma che ridefinisca le regole sul versante dell’istruzione e della formazione professionale”, dichiara Ottavio Sanna, presidente delle Acli della Sardegna, che lancia l’allarme sui “gravi problemi che i ritardi accumulati dalla politica stanno creando al diritto allo studio, alla formazione nel suo complesso e a quanti lavorano nel settore”. Per manifestare la difficoltà del settore, i lavoratori si sono ritrovati il 14 e 15 giugno sotto il palazzo dell’assessorato regionale al Lavoro a Cagliari chiedendo “l’intervento urgente del presidente della Giunta affinché esorti il suo assessore ad applicare la legge regionale 10 del 2013” che garantiva una prospettiva lavorativa. Per le Acli sarde è necessario che la politica avvii “urgentemente un tavolo di concertazione in materia di istruzione e formazione professionale, sollecitando al contempo garanzie certe per i lavoratori che a fine giugno perderanno ogni forma di tutela”.

Sardegna: Riformare formazione professionale
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR