Sardegna: Tragedia evitabile

In Sardegna, manca una cultura della prevenzione. Per Mauro Carta, presidente delle Acli Cagliari, "La tragedia era evitabile".

“In Sardegna bisogna sposare la cultura della prevenzione. – ha detto il presidente delle Acli cagliaritane – Servono più risorse per la manutenzione del territorio, serve un sistema più efficiente di gestione delle crisi e serve un’opera di sensibilizzazione e formazione dei cittadini rispetto a queste emergenze. Solo diffondendo questa cultura si potranno evitare disastri come quello ha gettato nella disperazione un’intera Isola”. Sono le parole di Mauro Carta, presidente delle Acli di Cagliari a pochi giorni del ciclone Cleopatra che ha portato 16 morti e 2.737 evacuati (Dati Corriere.it)

Le Acli di Cagliari e della Sardegna sono mobilitate a sostegno dei tanti cittadini colpiti dall’alluvione che ha messo in ginocchio l’isola. "La macchina organizzativa dell’associazione – ricorda Carta – sta lavorando a pieno ritmo per aiutare chi, in conseguenza del nubifragio, ha perso la casa o si è vista distrutta l’azienda. E' stato attivato un conto corrente per le donazioni e attraverso i circoli sul il territorio regionale è iniziata la raccolta dei beni da destinare alle famiglie che hanno perso tutto".

Per Mauro Carta, a poche ore dal disastro, è già il momento di interrogarsi sui motivi e le responsabilità del disastro. “La devastazione che ha colpito la Sardegna probabilmente si poteva evitare o comunque attenuare. Sembra invece che non si sia imparato nulla dalle recenti tragedie di Villagrande e Capoterra. È noto che l’Isola è una regione ad alto rischio idrogeologico. A ciò si aggiunge il ruolo dell’uomo, che con la speculazione edilizia e lo sfruttamento del suolo ha messo ancora più a rischio il territorio regionale”.

“Cosa possiamo fare ora? – si domanda Carta – Possiamo solo rimboccarci le maniche, ribadendo però con forza che bisogna sposare la cultura della prevenzione”.

Sardegna: Tragedia evitabile
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR