Se la colf sbaglia, paga il datore di lavoro

Ho assunto una colf per le pulizie di casa. Una mattina, mentre stava sistemando i fiori sul terrazzo, ha urtato un vaso, che è accidentalmente caduto sopra l’automobile del vicino, parcheggiata proprio sotto. Il vicino adesso mi chiede di risarcirgli il danno, che devo fare?

Ai sensi dell’art. 2049 del codice civile “i padroni sono responsabili per i danni arrecati dal fatto illecito dei loro domestici nell’esercizio delle incombenze a cui sono adibiti”.

Nel nostro ordinamento, in questo caso, si configura, dunque, una responsabilità indiretta, ovvero una sorta di “responsabilità oggettiva”, che espone a obbligo di risarcimento anche persone diverse da coloro che hanno commesso direttamente e personalmente l’illecito: quando una collaboratrice domestica commette un illecito nello svolgimento dei compiti a lei affidati, il datore di lavoro, è chiamato a risponderne, essendo ritenuto “responsabile” in via indiretta e oggettiva.

La responsabilità posta a carico del datore di lavoro ha per necessario presupposto la sussistenza della colpa del lavoratore domestico, ovvero il mancato utilizzo del grado di attenzione e prudenza normalmente richiesto nell’attendere alle proprie funzioni e attività, con la conseguenza che nel caso di dimostrata impossibilità del lavoratore di evitare il danno, ad esempio per caso fortuito o forza maggiore, ovvero forze estranee contro cui lo stesso nulla avrebbe comunque potuto fare, anche il datore di lavoro andrà esente da ogni responsabilità.

Per far fronte a tale tipo di responsabilità è necessario stipulare un’idonea assicurazione per responsabilità civile contro terzi.

Per informazioni: aclicolfonline

Se la colf sbaglia, paga il datore di lavoro
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR