Servizio civile: un “regalo” ai giovani per i 150 anni dell’unità d’Italia

«Una nuova legge sul servizio civile volontario che si limitasse a “spostare” le risorse, senza prevedere investimenti aggiuntivi, sarebbe inutile e insufficiente». Lo ha affermato il presidente nazionale delle Acli Andrea Olivero, intervenendo al seminario organizzato dall’associazione per riflettere sul futuro di questo istituto a 10 anni dalla sua introduzione. «Il servizio civile – ha affermato Olivero – è oggi l’unica possibilità che lo Stato offre ai giovani per crescere come cittadini in un’ottica di solidarietà e responsabilità. E’ uno strumento educativo formidabile su cui occorrerebbe investire. Non ci si può lamentare dell’emergenza educativa nel nostro Paese senza poi fare nulla per contrastarla».

Sulla riforma dell’istituto e il riordino delle competenze, il presidente si è detto d’accordo su un coinvolgimento maggiore delle Regioni nella gestione, «purché – ha specificato – il servizio civile rimanga un progetto nazionale, sulla base di due presupposti: che sia un diritto esigibile da tutti i cittadini in qualsiasi angolo d’Italia e non un lusso di pochi, come purtroppo sta diventando ora; che restino uguali per tutti i requisiti per l’accesso al servizio».«Proprio oggi – ha concluso Andrea Olivero – nella prospettiva di una visione coesa del Paese, da qualcuno messa irresponsabilmente in discussione, il rilancio del servizio civile si pone come elemento strategico per dire alle future generazioni su quali valori vogliamo restare insieme come Paese. Per i 150 anni dell’Unità d’Italia sarebbe un regalo bellissimo poter offrire ai nostri giovani un nuovo servizio civile accessibile a tutti, a partire magari da uno stanziamento straordinario del Governo per il 2011».([downloadacli menuitem=”212″ downloaditem=”793″ direct_download=”true”]Apri la cartella stampa[/downloadacli])

Servizio civile: un “regalo” ai giovani per i 150 anni dell’unità d’Italia
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR