Soldi degli evasori per lotta alla povertà

Secondo recenti stime il 4,2% delle famiglie italiane versa in condizione di povertà assoluta. La povertà assoluta è uno dei fenomeni sociali più odiosi e difficili da accettare, in quanto mina la dignità stessa degli individui che ne sono vittima. Stando alla definizione Istat, infatti, è assolutamente povero colui che non ha la possibilità di condurre una vita dignitosa. Si tratta di persone e famiglie che incontrano gravi difficoltà nel soddisfare gran parte dei loro bisogni vitali, come quelli alimentari, di salute, ecc.

Secondo stime realizzate dal Professor Cristiano Gori dell’Università Cattolica e dal suo gruppo di ricerca ci vorrebbero 2 miliardi di Euro per affrontare concretamente il problema, 4 per risolverlo del tutto. Tale cifra di certo non è irrisoria, ma non è neanche impossibile da recuperare tra le voci di bilancio di un Paese come l’Italia, che contempla titoli di spesa con cifre straordinariamente grandi. A maggior ragione, il recupero di questo denaro non costituirebbe un problema se le risorse venissero sottratte agli evasori fiscali. Le stime più recenti confermano che nel nostro Paese l’evasione ha raggiunto livelli record pari a circa 120 miliardi di Euro, un valore 30 volte superiore alla quantità di denaro necessaria alla risoluzione del problema della povertà assoluta.
Su questo piano fanno ben sperare i dati pubblicati da “Il Sole24ore” del 23 giugno 2010, che mettono in evidenza i risultati positivi conseguiti dallo Stato nella lotta contro questa piaga: nei primi 6 mesi del 2010 sono stati accertati ben 22 miliardi di Euro di redditi nascosti al fisco, il doppio dell’anno precedente. Se questo trend fosse confermato anche per i restanti mesi dell’anno, potrebbero essere recuperati circa 44 miliardi di Euro, ossia una cifra 11 volte superiore a quella necessaria per eliminare la povertà assoluta. A nostro avviso, utilizzare una piccola parte delle risorse così recuperate per combattere l’indigenza sarebbe, oltre che possibile, un’operazione di grande valore simbolico: significherebbe, infatti, sottrarre i soldi agli italiani che non rispettano il patto sociale e metterli nelle tasche vuote dei cittadini che versano in uno stato di grave difficoltà materiale. Sarebbe, in altre parole, un piccolo ma significativo segno di civiltà e solidarietà.
 

Soldi degli evasori per lotta alla povertà
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR