Stazione Centrale di Milano: luogo di accoglienza e solidarietà

“Da questi binari tante volte si avventurò per le strade del mondo Francesca Cabrini (1850 – 1917) Santa per la fede cattolica, apostola di solidarietà per tutte le genti in cammino”. Sono le parole scritte su una targa che – dal 13 novembre scorso – si trova nella stazione Centrale di Milano scoperta durante una cerimonia alla quale sono intervenuti il card.Tarciso Bertone, Segretario di Stato, il card. Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano, i sindaci di Milano, Letizia Moratti , e di Sant’Angelo Lodigiano, paese natale della Cabrini,  Domenico Crespi, e l’amministratore delegato del Gruppo FS Mauro Moretti. Con questo gesto lo scalo ferroviario milanese è stato dedicato alla santa dei migranti.

Come ha osservato Lucetta Scaraffia  sull’Osservatore Romano, Francesca Cabrini <>.La scelta della Cabrini sembra quanto mai appropriata.  <<È dunque una donna piena di spirito e di coraggio – conclude la Scaraffia  – quella a cui viene intitolata la Stazione Centrale di Milano:  sempre pronta ad aiutare tutti, senza distinzione di religione o di colore della pelle, e particolarmente attenta a difendere i diritti delle donne. Proprio la persona che ci voleva, nel nostro difficile mondo di oggi>>.

Stazione Centrale di Milano: luogo di accoglienza e solidarietà
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR