Sul ticket sanitario niente imposta di bollo

Vorrei sapere se il ticket sanitario richiede l’imposta di bollo. Alcune Asl lo applicano e altre no.

Sul ticket sanitario l’imposta di bollo non è mai dovuta. A chiarirlo è stata di recente la Risoluzione 9/E delle Entrate (15 gennaio 2014), nella quale veniva appunto riportata la domanda di un contribuente che chiedeva di “conoscere il corretto trattamento applicabile, ai fini dell’imposta di bollo, alle ricevute di pagamento del ticket per prestazioni ambulatoriali rese all’utenza”.

A tal riguardo l’Agenzia ha spiegato che il ticket sanitario, essendo una contribuzione assistenziale obbligatoria (salvo, ovviamente, nei quei casi in cui vige l’esenzione), non è mai soggetta all’imposta di bollo.

Va comunque ricordato che l’obbligo di versamento dell’imposta di bollo scatta unicamente per le ricevute superiori alla soglia di 77,47 euro.

Il dubbio, però, potrebbe nascere dal fatto che per determinate prestazioni, soprattutto esami di laboratorio, il ticket a carico dell’utente può superare la soglia di 77,47 euro.

L’Agenzia a tal riguardo fa presente che “in deroga” all’obbligo del versamento dell’imposta di bollo “sono previste specifiche ipotesi di esenzione” che coinvolgono “gli atti e i documenti in materia di assicurazioni sociali obbligatorie e le ricevute dei contributi”.

Tra le ricevute, la stessa Agenzia inserisce “anche le ricevute che attestano il pagamento del ticket sanitario, in quanto detto pagamento concretizza un contributo obbligatorio che il cittadino deve versare, a norma di legge, per ottenere l’assistenza sanitaria”.

Ragion per cui, anche in presenza di importi superiori ai 77,47 euro, il bollo non deve essere mai pagato.

Per informazioni: www.caf.acli.it

Sul ticket sanitario niente imposta di bollo
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR