Svizzera: Aprire corridoio per i profughi

Le autorità promuovano corridoi umanitari per e attraverso la Svizzera. Lo hanno chiesto le Acli Ticino a margine del convegno “Migranti e rifugiati alle nostre porte – una crisi umanitaria che ci interpella” che si è svolto a Lugano il 24 e 25 ottobre 2015.

Durante il fine settimana, circa 200 persone hanno ascoltato testimonianze di rifugiati e le iniziative realizzate dal Cantone e dalle associazioni private attive nel territorio ticinese, come Croce Rossa, la Diocesi di Lugano, SOS Ticino, Amnesty International e Terre des Hommes.

Al termine dei lavori,le Acli hanno lanciato un appello per corridoi umanitari verso la Svizzera e al Governo cantonale hanno chiesto di facilitare il ricongiungimento fra membri della stessa famiglia e l’accoglienza dei minorenni non accompagnati.

Infine le Acli si sono rivolte ai singoli Comuni per promuovere la collaborazione tra cittadinanza associazioni e privati e per realizzare l’accoglienza delle famiglie presso le parrocchia ticinesi.

Svizzera: Aprire corridoio per i profughi
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR