Svizzera: La nuova Presidenza nazionale

Dopo il congresso dello scorso ottobre, il Consiglio nazionale delle Acli della Svizzera, eletto per il mandato 2012-2016, si è riunito per la prima volta sabato 17 novembre a Zurigo.
Il nuovo presidente nazionale, Franco Plutino, dopo il saluto ai presenti e ai tanti nuovi membri del Consiglio, ha delineato le priorità del movimento per l’anno a venire e proposto le linee essenziali per il programma del quadriennio.
La volontà è quella di puntare sulla valorizzazione della vita associativa, su momenti aggregativi di crescita personale e di gruppo, ma anche di incentivare la partecipazione alla vita sociale e politica rinnovando l’attenzione verso le fasce più emarginate della popolazione e verso tutti coloro che si trovano a vivere in situazioni di disagio.
«I cambiamenti notevoli avvenuti nella società e nelle forme delle emigrazioni, i livelli d’integrazione dei giovani immigrati di seconda e terza generazione e l’approccio non facile delle giovani generazioni alla politica, sono tra i temi che devono mobilitare tutte le forze migliori della nostra Associazione» – ha dichiarato il presidente Plutino nel discorso conclusivo. E, in questo senso, ha aggiunto «l’individualismo e l’indifferenza verso la ricerca spirituale non si coniugano con un deciso impegno civile e sociale».
Nella sua seduta costitutiva, il Consiglio nazionale Acli svizzero ha approvato la composizione dell’organismo dirigenziale nazionale.La nuova Presidenza nazionale risulta, quindi, così composta:Franco Plutino, presidenteLuciano Alban e Giuseppe Rauseo, vice presidentiLuigi Zanolli, segretario organizzativoGiuseppe Rondinelli, segretario amministrativoFranco Narducci, membro in quanto presidente dell’EnaipAlfonsina Oftinger-Beti, resposabile Coordinamento donneSimone Dimasi, coordinatore nazionale dei Giovani delle Acli – SvizzeraFra’ Martino Dotta, assistente spirituale

Svizzera: La nuova Presidenza nazionale
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR