Toscana: Petizione per le preferenze elettorali

La consulta boccia il referendum per abolire la legge elettorale che non permette di esprimere le preferenze e le Acli regionali toscane ci riprovano. Almeno a livello locale. In una conferenza stampa del 24 gennaio le Acli hanno presentato a Firenze una petizione popolare per reintrodurre il voto di preferenza nelle elezioni regionali. “Re-introdurre il voto di preferenza nella legislazione regionale – spiegano le Acli – può essere anche un forte impulso a cambiare la legge elettorale nazionale”.Due le richieste dell’associazione: la possibilità di indicare una preferenza e l’introduzione di un tetto massimo per le spese elettorali di ogni candidato. “L’obiettivo – ha detto il presidente delle Acli Toscana, Federico Barni, – è quello di dare un segnale forte contro la disaffezione della politica. Secondo noi, aver soppresso il voto di preferenza nell’elezione del Consiglio regionale ha creato un distacco nel rapporto tra elettori ed eletti”. “In questo momento di crisi della politica e di disaffezione – ha proseguito Barni – riteniamo che sia necessario ridare vigore alla partecipazione politica con una competizione elettorale nella quale si possa esprimere la sovranità popolare. La delega diretta può creare un rapporto più forte tra i cittadini e i propri rappresentanti”. Per chi vuole firmare i moduli sono disponibili in tutte le sedi provinciali delle Acli. Le firme saranno raccolte fino alla metà di aprile, prima cioè del congresso regionale delle Acli Toscane, e saranno consegnate al Consiglio regionale.

Toscana: Petizione per le preferenze elettorali
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR