Tour del presidente: Bottalico in Calabria

“L’importante mestiere di stare accanto alla gente”. In Calabria la prima tappa del tour del presidente nazionale delle Acli, Gianni Bottalico, nelle regioni italiane.

Le Acli ci sono. Non vogliono stare “nel palazzo” ma vicino ai problemi e alle speranze delle persone.
A cominciare dalla Calabria, prima tappa del tour del presidente nazionale delle Acli, Gianni Bottalico, nelle regioni italiane, accompagnato da una delegazione della presidenza nazionale, con l’incaricato per la formazione spirituale nelle Acli, p. Elio Dalla Zuanna, e il consigliere di presidenza Michele Consiglio. “Siamo una grande associazione popolare di ispirazione cristiana” ha detto Bottalico. “Le Acli, e le Acli di tutta la Calabria, sono impegnate nell’importante mestiere di stare accanto alla gente”.

Da Reggio Calabria a Paola, passando per Nicastro e Catanzaro, il presidente Bottalico infatti ha avuto modo di incontrare in questi giorni gli esponenti delle istituzioni e della chiesa locale; ma sopratutto gli aclisti e gli amici delle Acli sul territorio.

A Reggio Calabria, l’incontro con l’arcivescovo mons. Vittorio Mondello che nella “difficoltà della situazione e del momento” vede una “occasione non di rinuncia ma di rilancio dell’azione sociale delle Acli”; e poi con il presidente della provincia Giuseppe Raffa, per cui “le Acli sono parte importante della rete di sostegno del nostro territorio”. In questa occasione Bottalico ha sottolineato il ruolo delle Acli calabresi come “presidio per la legalità, il lavoro e la lotta al disagio in un territorio difficile”.

Nell’incontro di Nicastro, in provincia di Catanzaro, con le Acli di tutta la Calabria, e in presenza di mons. Luigi Antonio Cantafora, vescovo di Lamezia Terme, il presidente regionale delle Acli Saverio Sergi ha ricordato una frase del gesuita p. Pino Stancari, che opera da anni in provincia di Cosenza: “La Calabria deve essere amata”.
Questa poi la sua risonanza rivolta alla presidenza nazionale dell’associazione: “Noi amiamo la nostra terra e vorremmo che ci aiutaste a difenderla e rivalutarla”.

A Catanzaro poi gli incontri con l’arcivescovo, mons. Vincenzo Bertolone – che ha sottolineato il ” bisogno di uomini adamantini e portatori di virtù” – e con il sindaco Abramo che ha sottolineato la difficile sfida di “amministrare al sud in tempo di crisi” e ha sostenuto che “la vinceremo solo con la vicinanza e l’aiuto del terzo settore, risorsa fondamentale per una risposta credibile alle esigenze della comunità”.

Infine, un’immersione nella storia e nella spiritualità del santuario di San Francesco di Paola, dove padre Rocco Benvenuto, provinciale dei frati Minimi, ha ribadito che “le Acli possono aiutarci a riscoprire l’attualità dell’impegno di San Francesco di Paola nel sociale e nel mondo del lavoro”. Sempre a Paola l’incontro con il presidente della commissione regionale antindrangheta, Salvatore Magaró che ha sottolineato e incoraggiato il ruolo delle Acli “tra le forze in prima fila nel lotta alle mafie“.

Dopo la Calabria, il tour continua: prossima tappa nelle Marche.

#LeAclicisono

Il presidente Bottalico con gli aclisti del circolo di Paola
Tour del presidente: Bottalico in Calabria
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR