Trieste: solidarieta’ ai lavoratori della Stock

Le Acli Provinciali di Trieste esprimono solidarietà ai lavoratori della Stock in merito alla decisione della proprietà di chiudere lo stabilimento di Trieste.
Le Acli condividono la preoccupazione e lo sconcerto per una decisione improvvisa, presa peraltro dopo i numerosi sforzi fatti dai lavoratori negli ultimi anni per venire incontro alle esigenze e alle richieste della proprietà e auspicano che le amministrazioni comunale e provinciale si facciano promotrici di un’azione di mediazione fra parte datoriale e lavoratori al fine di scongiurare la chiusura dello stabilimento giuliano.
La preoccupazione per la chiusura della Stock si aggiunge all’apprensione per la situazione lavorativa generale che Trieste sta vivendo ormai da anni: l’incremento dei dati sulla cassa integrazione, la chiusura continua di aziende, la situazione ormai annosa della Ferriera di Servola e la mancanza di una politica industriale e di sviluppo condivise, richiedono lo sforzo di tutti, mondo della politica, parti sociali e società civile, per invertire questa tendenza.
Le Acli di Trieste credono che la massimizzazione del profitto e la riduzione dei costi non possano essere gli unici criteri di scelta e di valutazione per l’esistenza di un’impresa; è indispensabile rimettere al centro la comunità, il senso di appartenenza e di servizio alla comunità stessa da parte di tutti gli attori del mondo sociale e politico, a partire dai datori di lavoro: preme, in tal senso, sottolineare l’assenza di una politica radicata sul territorio da parte della attuale classe dirigente a livello imprenditoriale e la mancanza di una politica del lavoro realmente rivolta alla valorizzazione della comunità locale.

Trieste: solidarieta’ ai lavoratori della Stock
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR