Ucraina: Acli pregano per fermare la ‘guerra fra cristiani’

 “Le Acli sostengono l’appello lanciato da papa Francesco perché cessi la guerra in Ucraina“, afferma Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli, a commento delle parole pronunciate il 5 febbraio da papa Francesco nel corso dell’udienza generale del mercoledì.

“Un guerra combattuta fra cittadini del medesimo Stato e addirittura fra persone che condividono la medesima fede: questo scandalo di una guerra fra cristiani, come lo ha definito il Papa, abbia fine.

I Cristiani di tutta l’Europa sappiano recuperare lo spirito di dialogo e di fraternità che ha caratterizzato le assemblee ecumeniche europee e facciano sentire insieme la loro voce perché i media non releghino nel silenzio questa pericolosa guerra e perché si allarghi a livello internazionale la dura condanna di quanti continuano a finanziare e ad armare le parti in conflitto, secondo un cliché già visto in passato, anziché contribuire responsabilmente a stabilizzare l’area e a dare attuazione concreta agli accordi di Minsk per la fine delle ostilità.

Le Acli – conclude il presidente delle Acli – si uniscono insieme al Papa nella preghiera che secondo le parole del Pontefice, è ‘la nostra protesta davanti a Dio’ davanti alla guerra”

Ucraina: Acli pregano per fermare la ‘guerra fra cristiani’
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR