Ue: Jahier (Acli) eletto ai vertici del Cese

Si è insediata ieri a Bruxelles la nuova consigliatura del Cese, il Comitato sociale economico europeo. Presidente del Terzo Gruppo – i cui 109 membri rappresentano gli agricoltori, le piccole e medie imprese, le professioni liberali, le associazioni e le fondazioni, le organizzazioni famigliari e umanitarie, le cooperative e le imprese sociali, i consumatori, le organizzazioni ambientaliste e dei diritti umani – è stato eletto Luca Jahier, presidente del Consiglio nazionale delle Acli, esperto di cooperazione internazionale allo sviluppo.Il Cese, istituito nel 1957 dai trattati di Roma, è composto da 344 membri, provenienti dai 27 paesi membri dell’Unione. Rappresenta gli interessi delle varie componenti socioeconomiche della società. Servendosi delle specifiche competenze dei suoi membri, elabora pareri su tutta una serie di questioni di portata europea, destinati al Parlamento europeo, alla Commissione e al Consiglio dei ministri. Il Trattato di Lisbona ha notevolmente ampliato il numero di settori per i quali la consultazione del Cese è obbligatoria e su molti altri settori il Comitato esercita il diritto di iniziativa.

Luca Jahier, 47 anni, torinese, è stato presidente della Focsiv (Federazione organismi cristiani servizio internazionale volontario, 1994-199), responsabile europeo e internazionale delle Acli (2000-2008), segretario di Retinopera (2002-2007). Dal 2008 presiede il Consiglio nazionale delle Associazioni cristiane dei lavoratori italiani. E’ membro del Cese, in Europa, dal 2002; autore di numerosi pareri sull’agenda sociale europea, l’Alleanza europea per le famiglie, la cooperazione e l’economia sociale. E’ stato tra i promotori del Forum europeo Immigrazione e integrazione, costituito due anni or sono dal Cese e dalla Commissione europea per coinvolgere la società civile europea nei processi legislativi concernenti l’immigrazione legale nell’Ue.«Il Cese – ha affermato – rappresenta il ponte tra l’Unione europea e la società civile dei Paesi membri. Con l’entrata in vigore del nuovo Trattato di Lisbona abbiamo dinanzi a noi una sfida di enorme portata. Si aprono spazi immensi per tradurre in concreto il disposto dell’art.11 concernente la democrazia partecipativa, ma anche la nuova clausola sociale orizzontale e le disposizioni riguardanti i servizi di interesse generale».Tre vicepresidenti affiancheranno Jahier nel suo mandato: Arno Metzler, tedesco, per le professioni liberali; Maureen O’Neil, scozzese, per il mondo del volontariato e della lotta alla povertà; Jillian van Turnhout, irlandese, vincitrice del premio nazionale “Imprenditrice sociale del 2010” e attiva nel campo della protezione dei minori.

Ue: Jahier (Acli) eletto ai vertici del Cese
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR