Un’altra difesa è possibile: il programma 2016

Per riprendere la propria azione in questo nuovo anno la Campagna “Un’altra difesa è possibile” ha indetto una conferenza stampa nazionale che si terrà mercoledì 10 febbraio 2016 a Roma, alle ore 16.00, presso la sala stampa della Camera dei deputati in Via della Missione 4.

Durante l’incontro verranno presentate le prossime iniziative della Campagna per il 2016 dopo il primo importante risultato raggiunto con il deposito di oltre 50.000 firme a sostegno della Legge di iniziativa popolare “Istituzione e modalità di finanziamento del dipartimento della Difesa civile non armata e nonviolenta”.

Sei sono le reti della società civile che hanno promosso congiuntamente questa Campagna per la difesa civile non armata e nonviolenta (Conferenza nazionale enti di servizio civile, Forum nazionale servizio civile, Rete della pace, Rete italiana disarmo, Tavolo interventi civili di pace, Sbilanciamoci!) per la realizzazione di una difesa civile alternativa alla difesa militare, finanziata direttamente dai cittadini attraverso l’opzione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi.

Lo strumento politico della legge di iniziativa popolare è già servito ad aprire un confronto pubblico per ridefinire i concetti di difesa, sicurezza, minaccia, dando centralità alla Costituzione che “ripudia la guerra” (art. 11), afferma la difesa dei diritti di cittadinanza ed affida ad ogni cittadino il “sacro dovere della difesa della patria” (art. 52).

Nel proseguimento del percorso la nostra iniziativa sarà affiancata da una proposta di legge di iniziativa parlamentare presentata nei giorni scorsi con testo identico a quello promosso dalla campagna. I rappresentanti delle 6 Reti promotrici saranno presenti alla Conferenza Stampa, insieme ai Deputati promotori di tale testo (Marcon, Zanin, Basilio, Sberna, Artini, Civati).

Un’altra difesa è possibile: il programma 2016
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
2.421 morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.784
Fonte UNHCR