Un futuro per l’Euro

Sei euroscettico? Sei paradossale, perché dentro un’unica formula si unisce l’idea di una moneta, nata con la prospettiva di speranza, al sentimento di distacco provocato dalla disillusione come spiega Luca Grion in Gli euro-ingredienti della speranza, su “Testa o croce” il numero di benecomune.net dedicato alla nostra moneta.

Certo l’Euro è diventato un simbolo che suscita emozioni contrastanti. Lo abbiamo vissuto durante il recente dibattito elettorale.

C’è chi vorrebbe abbandonarlo per sentirsi con le mani libere, chi lo sostiene strenuamente affermando che altrimenti la nostra economia, con l’economia europea, andrebbe alla deriva.

Sotto ci sono strategie politiche: da una parte la ricerca di ritrovare un’agibilità politica indipendente dai nostri vicini, dall’altra procedere verso la formazione di un sistema fortemente competitivo, capace di contrastare le altre potenze mondiali Cina, India, Usa, Brasile.

Purtroppo in entrambi i casi, nei dibattiti manca il sogno e per questo continueranno a non emozionare. Si sopravvive sulle ali della paura. Senza anima i cittadini vedranno solo la burocrazia eropea, le imposizioni di legge e norme che vengono da quest’entità lontana, ma incidono poi sul nostro vivere quotidiano.

Occorre invece recuperare il significato per cui l’Euro è nato: il tentativo ambizioso di costruire una nuova comunità politica che unisca popoli diversi e nazioni varie. Se qualcuno pensava che per raggiugnere una meta così alta la strada fosse in discesa, era un ingenuo. Un’Unione di cittadini che cementi una convivenza democratica, pacifica e aperta all’alterità ha bisogno di tempo e di visioni con ampio respiro, anche di sbagli.

Comunque il destino non sarà segnato dai voleri di banche o mercati, ma dalle chance che le popolazioni che vorranno darsi.

Per un approfondimento è possibile scaricare il documento allegato con il numero monografico.

 

Un futuro per l’Euro
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR