Vicenza: chiude la rassegna “Cittadini del mondo”

Grande emozione, ma anche una sana dose di divertimento, per la rappresentazione teatrale in chiusura del progetto “Cittadini del mondo” realizzato in collaborazione con le Acli vicentine, svoltasi sabato pomeriggio alla scuola elementare “Loschi”, alla presenza di oltre mille tra ragazzini e familiari.La giornata ha concluso una serie di attività incentrate sull’educazione alla legalità, alla pace ed alla cittadinanza, promosse da tutti e tre gli ordini di scuola che compongono l’istituto comprensivo n.8 di Vicenza.I primi a cimentarsi sono stati gli alunni della primaria “Loschi”, che si sono esibiti in “Incontri di suoni, voci e danze per la pace”. Subito dopo, la rappresentazione dei bambini della scuola dell’infanzia “Marco Polo”, con canti e coreografie sul tema “Io…noi…e il mondo da scoprire”, quindi i ragazzi della media che hanno messo in scena “Ma a Terezin non ho visto farfalle”, una breve ma significativa interpretazione sui temi legati al nazismo ed al razzismo. Hanno chiuso la serata gli alunni della primaria “Araldi”, che alle ore 21 hanno interpretato “Il ritmo del mondo” su coreografie di Thierry Parmentier.”Si è trattato di un evento articolato e complesso – spiegano gli insegnanti coinvolti nel progetto – che ha impegnato per alcuni mesi insegnanti ed alunni ed è stato reso possibile grazie al contributo delle Acli provinciali di Vicenza, che si sono dimostrate particolarmente sensibili al tema proposto”. Entusiasta il dirigente scolastico Urbano Bonato: “c’è bisogno di recuperare identità ed appartenenza e tutti quei valori di rispetto delle regole e della democrazia. Grazie alle Acli è stato possibile intraprendere questo percorso importante di sensibilizzazione”. Parole condivise anche dal presidente regionale Acli Andrea Luzi e dal presidente provinciale Serafino Zilio, che concludono: “è un nostro dovere pensare ai giovani ed offrire loro serie opportunità di formazione, anche educativa. Dobbiamo credere in loro e nel contempo coinvolgerli responsabilmente in un percorso di maturazione personale e comunitario”.

Vicenza: chiude la rassegna “Cittadini del mondo”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR