Wojtyla beato il 1° maggio: ‘bellissima coincidenza’ per mondo del lavoro

L’annuncio della beatificazione di Giovanni Paolo II a Roma, il prossimo 1° maggio, viene accolto dalle Associazioni cristiane dei lavoratori italiani come «una felice e bellissima coincidenza».  La scelta della data risponde ad una precisa motivazione liturgica. Il prossimo 1° maggio cade infatti la Domenica in Albis, cioè la prima domenica successiva alla Pasqua, nella quale lo stesso Papa Wojtyla aveva istituito la Festa della Divina Misericordia. Ma il primo maggio è anche la festa internazionale dei lavoratori, “festa cristiana” dal 1955, da quando Pio XII, proprio ricevendo le Acli, istituì per questo giorno la festa liturgica di S. Giuseppe artigiano.   «Per un’associazione di lavoratori cristiani non può che essere una coincidenza bellissima» afferma il presidente nazionale delle Acli Andrea Olivero. «Una coincidenza ancora più significativa perché capita nel trentennale della “Laborem exercens”, l’enciclica scritta da Giovanni Paolo II nel 1981, vera pietra miliare per la dottrina sociale della Chiesa rispetto alla tematica del lavoro, in cui viene solennemente affermato che è l’uomo il metro della dignità del lavoro, subordinando il capitale e la logica del mercato alla dignità della persona. Sappiamo tutti, e lo vediamo ancora in queste ore con le vicende legate allo stabilimento Mirafiori della Fiat, come questi principi siano ancora attualissimi e chiamano tutti ad una grande responsabilità».  

Wojtyla beato il 1° maggio: ‘bellissima coincidenza’ per mondo del lavoro
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR