acli-colf-slider-01

CHI SIAMO

Le ACLI Colf sono l’Associazione delle ACLI che organizza le collaboratrici e i collaboratori familiari.
Nate nel 1945 le Acli Colf operano come soggetto sociale delle ACLI per la promozione e la tutela degli interessi professionali, lavorativi, sindacali, previdenziali e assistenziali delle lavoratrici e lavoratori del settore domestico, di cura ed aiuto alla persona, assicurando loro sostegno ed assistenza.
Il 6 aprile 2018 le ACLI Colf si sono costituite come associazione professionale delle ACLI , passaggio celebrato nel corso dell’Assemblea tenutasi a Roma il 24/25 Novembre 2018, che ha votato la mozione per un impegno sempre più importante nella promozione e tutela del lavoro domestico e di cura.
L’associazione favorisce la partecipazione democratica, l’azione sociale, e il volontariato delle lavoratrici e lavoratori domestici e di cura, e di tutti coloro che condividono la missione e i principi a cui si ispira.

  • Segretaria Nazionale ACLI Colf
    Giamaica Puntillo
  • Vice – Segretaria Nazionale Vicaria
    Paola Monzani
  • Segreteria Nazionale
    Bettoni Damiano, Segretario Generale (di diritto)
    Conti Luca, componente Presidenza naz.le ACLI (di diritto)
    Cristofaro Anna
    Ginettelli Marta
    Malanca Laura
    Monzani Paola
    Puntillo Giamaica
    Zerbinati Miriam
  • Collegio nazionale dei Probiviri
    Brustolin Pina
    Magliano Liliana
    Turrini Olga
    (componenti supplenti)
    Cardaci Filippo
    Sarti Raffaella
  • Comitato Nazionale
    Bandylyuk Natalka
    Bettoni Damiano, Segretario Generale (di diritto)
    Busnelli Anna
    Cinguino Diana
    Conti Luca, componente Presidenza naz.le ACLI (di diritto)
    Cristofaro Anna
    Ginettelli Marta
    Giorgio Sandra
    Gottardo Silvia
    Maioni Raffaella
    Malanca Laura
    Monzani Paola
    Musto Giulia
    Puntillo Giamaica
    Rendinella Giuliana
    Zerbinati Miriam
    Zolia Gianna
  • Revisore dei conti
    Stefano Melorio
    (Revisore supplente)
    Montaldi Marina

La CAS.SA.COLF è lo strumento che il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro Domestico (sottoscritto da DOMINA, FIDALDO in rappresentanza dei datori di lavoro e FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL, UILTUCS e FEDERCOLF in rappresentanza dei lavoratori domestici) ha costituito per fornire prestazioni e servizi a favore dei lavoratori e datori di lavoro iscritti, comprensive di trattamenti assistenziali sanitari e assicurativi, integrativi e aggiuntivi delle prestazioni pubbliche per migliorare la tutela socio sanitaria.

Sono iscritti alla CAS.SA.COLF tutti i dipendenti ed i datori di lavoro domestico in regola con i contributi di assistenza contrattuale, nei confronti dei quali vengono applicati i CCNL.

Presente in modo capillare su tutto il territorio nazionale, il Caf Acli fornisce assistenza e consulenza completa e personalizzata nel campo fiscale e delle agevolazioni sociali. In particolar modo assicura servizi dedicati alla persona e alla famiglia, come la compilazione dei modelli Red (riguardante i pensionati) e quelli per il calcolo dell’Ise/Isee (prestazioni sociali agevolate).
Il Caf Acli dispone di una rete organizzata su tutto il territorio composta da 102 società (le Acli Service) e 1.000 uffici, con più di 1.500 operatori adeguatamente formati ed in grado di ricevere ed assistere ogni anno oltre 1.200.000 cittadini.

Il Patronato Acli è un ente di diritto privato che svolge un servizio di pubblica utilità dal 1945.
È presente attraverso una rete sociale di professionisti organizzata in Italia e in 22 stati nel resto del Mondo con l’obiettivo di supportare e di sostenere quotidianamente i cittadini in ambito professionale, previdenziale, pensionistico, del welfare familiare e di sostegno al reddito. Inoltre garantisce un servizio di informazione, assistenza e tutela ai cittadini stranieri e comunitari.

ACLI Colf

Via Giuseppe Marcora 18/20 – 00153 ROMA

TEL: 06 5840618

MAIL: sedenazionale@colf.acli.it

NEWS E APPUNTAMENTI

Domanda di richiesta bonus Covid-19

Il Patronato ACLI mette a disposizione un servizio on-line, pensato per i lavoratori domestici che intendano chiedere il bonus per il COVID-19. Per quanti volessere beneficiare di questa opportunità, è possibile compilare la domanda on-line al seguente link 

Giamaica Puntillo ospite a “Unomattina”

La Segretaria nazionale delle ACLI Colf, Giamaica Puntillo, è intervenuta ieri nella trasmissione di “Unomattina” per discutere del nuovo CCNL del lavoro domestico siglato lo scorso 8 settembre. Durante la puntata, Puntillo ha illustrato le principali novità contenute nel contratto, evidenziando i principali benefici per le lavoratrici domestiche.

Sanatoria Colf/Badanti, Puntillo: Un processo improcrastinabile

Si segnala questo articolo sulla recente sanatoria che ha interessato colf e badanti e in merito alla quale si è espressa anche la Segreteria nazionale delle ACLI Colf, Giamaica Puntillo. Per leggere l’articolo, cliccare qui

Lavoro domestico: Rinnovato il contratto

È stato siglato il testo collettivo nazionale del settore domestico: le organizzazioni sindacali dei lavoratori, Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UILTuCS, Federcolf e le associazioni datoriali Fidaldo (che riunisce Nuova Collaborazione, Assindatcolf, Adld e Adlc) e Domina hanno, infatti, sottoscritto l’intesa applicabile ai circa 860 mila lavoratori regolari del comparto, che diventano 2 milioni se si considerano le stime sul sommerso. Entrerà in vigore dal 1° ottobre e introducendo importanti novità normative ed intervenendo su aspetti qualificanti, con particolare riferimento al mercato e all’organizzazione del lavoro domestico. Nel merito, l’intesa di rinnovo prevede un aumento economico mensile di 12 euro per il livello medio B Super a far data dal 1° gennaio 2021, e contempla un sistema di indennità a far data dal 1° ottobre 2020 – da 100 euro a quasi 116 euro – erogate in aggiunta alla retribuzione minima contrattuale ai prestatori d’opera che assistono bambini fino al 6° anno di età ed agli assistenti familiari che assistono più di una persona non autosufficiente, riconoscendo così i reali carichi di lavoro effettivamente prestati. Ai lavoratori in possesso della certificazione di qualità verrà inoltre riconosciuta una ulteriore indennità fino a 10 euro al mese. L’accordo definisce inoltre l’inquadramento degli assistenti familiari in quattro livelli, a ciascuno dei quali corrispondono due parametri retributivi, in base alle conoscenze e competenze possedute in riferimento alla mansione richiesta.

Regolarizzazioni, numerose le incertezze

Rispetto alle pratiche di regolarizzazione – dove insistono ancora molte incertezze che stanno determinando alcuni problemi – l’intervento di Giamaica Puntillo, Segretaria nazionale ACLI Colf, in questo articolo de “La Repubblica” che qui segnaliamo 

Decreto Rilancio, settore domestico: ancora poche le domande di sanatoria

A seguito della sanatoria voluta dal Governo, ad oggi, il grosso delle richieste per sanare la propria posizione è pervenuta, nell’88% dei casi, dal comparto del lavoro domestico, dove il tasso di irregolarità è pari al 58,3%. Sebbene ci sia tempo fino al 15 agosto, la stima iniziale di 220 mila richieste sembra essere ancora lontana. Buona parte delle domande sono pervenute da lavoratrici provenienti dal Marocco, dal Bangladesh e dall’Ucraina. Mancano nazionalità come Filippine, Ecuador e Perù. Il sospetto è che si tratti di sanatorie fittizie finalizzate principalmente ad ottenere il permesso di soggiorno. 

Domanda di richiesta bonus Covid-19

Il Patronato ACLI mette a disposizione un servizio on-line, pensato per i lavoratori domestici che intendano chiedere il bonus per il COVID-19. Per quanti volessere beneficiare di questa opportunità, è possibile compilare la domanda on-line al seguente link 

Colf e badanti: procedure di regolarizzazione ed emersione

Il Decreto Rilancio, in merito al lavoro irregolare in Italia, prevede due procedure: una per la REGOLARIZZAZIONE degli stranieri presenti sul nostro territorio e una per l’EMERSIONE di rapporti di lavoro che coinvolgono cittadini italiani, comunitari e stranieri. 

  • La prima procedura è rivolta ai datori di lavoro che intendano concludere un contratto di lavoro subordinato con cittadini stranieri presenti sul territorio o che vogliano dichiarare la sussistenza di un lavoro irregolare in corso con cittadini italiani o stranieri presenti sul territorio prima dell’8 marzo. Lo straniero ottiene un permesso per lavoro della durata del contratto. 
  • La seconda procedura è rivolta a stranieri titolari di un permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019, che risultino presenti in Italia alla data dell’8 marzo 2020 e che abbiano lavorato nei settori interessati dalla regolarizzazione prima del 31 ottobre 2019. Il costo stabilito per questa procedura è pari a 130€. Con questa procedura il cittadino straniero potrà ottenere un permesso di soggiorno temporaneo della validità di 6 mesi, che potrà convertire in permesso di lavoro avviando un rapporto di lavoro nei settori interessati. 

Le due procedure si applicano solo ad alcuni settori produttivi tra cui il lavoro domestico. 

Le domande potranno essere presentate dal 1° giugno al 15 agosto 2020

Commento al DL “Rilancio"

Il 19 maggio c.a. il DL 19 maggio 2020 n. 34 recante “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. 

La pubblicazione, per i decreti legge che sono uno strumento che prevede una procedura d’urgenza, coincide con l’entrata in vigore e l’invio al Parlamento del testo affinché, si dia inizio alla procedura di conversione che deve avvenire, perentoriamente, entro 60 giorni. 

Nel provvedimento in esame, che consta di ben 266 articoli, numerose sono le misure previste dal Governo per fare fronte alla crisi economica causata dalla pandemia in atto. 

Le principali novità che ci riguardano, come operatori nel settore delle colf e badanti, le troviamo nel Titolo III, Capo II “Altre misure urgenti in materia di lavoro e politiche sociali”.  

All’art. 82 è previsto il reddito di emergenza, cosiddetto REM, che si rivolge alle famiglie che versano in condizioni di necessità economica in conseguenza all’emergenza epidemiologica. 

E’, infatti, riconosciuto a nuclei familiari il cui componente richiedente sia residente in Italia, e che hanno, cumulativamente dei requisiti economici ben precisi. 

Un ISEE inferiore ad €. 15.000,00 ; un patrimonio mobiliare del valore non superiore ad €. 10.000,00 , incrementabile di €. 5.000, 00 per ogni componente della famiglia, per un massimo di €. 20.000,00 ( €. 25.000,00 se presente nel nucleo un disabile grave o non autosufficiente); un reddito familiare percepito ad aprile 2020 inferiore al reddito calcolato secondo i criteri del reddito di cittadinanza. 

Il REM non può essere richiesto da quei nuclei familiari in cui un componente ha percepito una delle indennità previste dal Decreto “Cura Italia” ( Indennità lavoratori autonomi, indennità del reddito di ultima istanza etc.), oppure l’indennità prevista per colf e badanti o l’indennità prevista nello stesso art. 85 del D.L. Rilancio (Nuove  indennita’  per  i   lavoratori   danneggiati   dall’emergenza epidemiologica da COVID-19). 

Il sostegno non è, altresì, riconosciuto anche quando uno dei componenti del nucleo familiare percepisce una pensione diretta o indiretta, ad esclusione dell’assegno ordinario di invalidità, è lavoratore dipendente con retribuzione superiore all’ammontare calcolato secondo i criteri del reddito di cittadinanza o, naturalmente, percepisce il reddito di cittadinanza, con cui non è cumulabile. 

L’importo del contributo, erogato dall’INPS,  per un massimo di €. 800,00, è elargito in due quote. 

La domanda può essere presentata per il tramite di un CAF o un Patronato entro e non oltre il 30 giugno c.a. 

Nel DL è previsto un limite di spesa per l’elargizione del sostegno, pertanto, la tempestività della presentazione della domanda influirà sulla possibilità di beneficiarne. 

All’art. 85 è prevista l’ “Indennita’ per i lavoratori domestici” che si rivolge, per come chiarito dall’ INPS, a coloro che prestano un’attività lavorativa continuativa per le necessità della vita familiare del datore di lavoro come ad esempio: colf, badanti, assistenti familiari o baby-sitter, governanti, camerieri, cuochi ecc.. 

Rientrano in questa categoria anche coloro che lavorano presso comunità religiose (conventi, seminari), caserme e comandi militari, nonché presso le comunità senza fini di lucro (orfanotrofi e ricoveri per anziani, etc.)  

Presupposto necessario è che alla data del  23 febbraio 2020, i richiedenti abbiano in essere uno  o  piu’  contratti  di  lavoro  per  una  durata, complessiva, superiore a 10 ore settimanali, e non convivano con il datore. 

Il beneficio, prevede l’elargizione, in un’unica soluzione, di due mensilità (aprile e maggio) pari ad €. 500,00 l’una. 

Anche l’indennità per i lavoratori domestici non è compatibile con le indennità del DL “Cura Italia”, nonché, l’indennità previste nello stesso art. 85 del D.L. Rilancio. 

Non spetta a chi è titolare di una pensione (ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità) o di un rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato diverso dal lavoro domestico. 

Tuttavia, il beneficio in questione, è compatibile con il reddito di cittadinanza, qualora sia percepito in misura inferiore all’indennità. In tale ipotesi spetterà al richiedente l’integrazione del reddito fino al raggiungimento dell’ammontare dell’indennità stessa. 

Anche questa misura è pagata dall’INPS, su domanda da presentare per il tramite dei patronati. Non è prevista una data entro la quale la richiesta va presentata, tuttavia è previsto, anche in questo caso, un limite di spesa, oltre il quale le domande resteranno insoddisfatte anche in presenza dei requisiti richiesti. 

Infine, all’art. 103, troviamo la regolamentazione dell’ “Emersione di rapporti di lavoro”E’ bene chiarire che non si rivolge solo a lavoratori stranieri ma anche ai cittadini italiani che hanno in essere un rapporto di lavoro irregolare. 

Due sono le ipotesi di “sanatoria” previste dall’articolo e, cioè: 1) l’ipotesi contemplata al comma 1 che si rivolge ai datori di lavoro, italiani o stranieri in possesso di un  valido titolo di soggiorno, che possono regolarizzare un cittadino italiano o straniero che già lavora “in nero” o chiedere di assumere uno straniero irregolare; 2) l’ipotesi contemplata al comma 2 che si rivolge allo straniero irregolare, il quale può chiedere un permesso di soggiorno temporaneo di sei mesi, e trasformarlo in permesso lavorativo una volta trovato un impiego. 

Numerose sono, tuttavia, le limitazioni contenute nella normativa, tanto da restringerne fortemente il campo di applicazione. 

Innanzitutto, il datore di lavoro può chiedere di fruire della sanatoria solo per i cittadini stranieri sottoposti a rilievi fotodattiloscopici prima dell’8 marzo 2020 ovvero che devono aver soggiornato in Italia precedentemente, in forza della dichiarazione di presenza o di attestazioni costituite da documentazioni di data certa proveniente da organismi pubblici. In entrambi i casi, i cittadini stranieri non devono aver lasciato il territorio nazionale dall’8 marzo 2020. 

Il permesso di soggiorno temporaneo può essere richiesto solo dal cittadino straniero  con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019. 

Inoltre, i settori in cui è applicabile sono solo quello agricolo, di assistenza alla persona e lavoro domestico. 

L’istanza si potrà presentare dal 1° giugno al 15 luglio 2020, con le modalità che saranno stabilite con decreto, entro dieci giorni dalla pubblicazione del DL  (presumibilmente entro il 30 maggio), dal Ministro dell’Interno in concerto con altri Ministri. 

A seconda della tipologia, la richiesta dovrà essere presentata presso: l’INPS per i lavoratori italiani o per i cittadini di uno Stato membro dell’UE; lo sportello unico per l’immigrazione, per i lavoratori stranieri; la Questura per il rilascio dei permessi di soggiorno temporanei. 

Naturalmente non sono ammessi alla procedura quegli stranieri che sono stati espulsi o risultano segnalati da altri Stati ai fini della non ammissione nel territorio, nonché gli stranieri che hanno commesso reati inerenti gli stupefacenti, il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina reclutamento di persone da destinare alla prostituzione o allo sfruttamento della prostituzione o di minori da impiegare in attività illecita. 

Terminata l’istruttoria, nel caso di richiesta di assunzione o regolarizzazione avanzata dal datore di lavoro, le parti interessate saranno chiamate a stipulare il contratto, che, ovviamente, dovrà rispettare quanto sancito dai contratti collettivi nazionali di lavoro per la categoria interessata. 

E’ necessario, tuttavia, attendere il decreto attuativo, poiché dal testo normativo si evince che anche per i datori saranno posti dei paletti, tra cui i limiti di reddito entro i quali si potrà accedere alla misura. 

L’intento è quello di garantire al lavoratore una stabilità del rapporto posto in essere, verificando la futura solvibilità del datore. 

Restiamo, dunque, in attesa di conoscere, nello specifico, la regolamentazione della materia! 

Fondamentalmente non si può non esprimere un parere favorevole per le misure poste in essere con il DL, tuttavia i limiti di spesa previsti preoccupano non poco, poiché aventi diritto potrebbero, iniquamente, non fruire dei benefici solo per una questione di non tempestività, pur avendone diritto! 

Ipotesi, tuttavia, che sarà possibile verificare solo al termine! 

Articolo redatto a cura di Maria Donato, responsabile Acli Colf Cosenza. 

Leggi il Decreto 

Regione Lazio, le misure in favore di Colf e Badanti

In attesa che il Governo definisca, a livello nazionale, nuove misure di sostegno in favore di colf e badanti, si segnala l’iniziativa della Regione Lazio che ha riservato € 4.200.000 per lavoratori domestici che abbiano subito una sospensione o cessazione dell’attività lavorativa a causa dell’emergenza Covid19 dopo il 23 febbraio. Sono previsti bonus tra i € 300 e i € 600. È possibile presentare l’apposita richiesta a partire da oggi, chiamando lo 06-49701850, oppure scrivendo, per avere informazioni, a nessunoescluso@laziodisco.it

La Spezia: un aiuto ai più bisognosi

L’Associazione Professionale Circolo ACLI-Colf di La Spezia ha voluto offrire un contributo concreto, donando generi alimentari, per supportare famiglie e lavoratori in difficoltà, in questo clima difficile, avvelenato dal Coronavirus. Un piccolo gesto per esprimere vicinanza alle persone più fragili.

Puntillo: servono maggiori misure a tutela delle persone impiegate nel settore domestico

Si segnala l’intervista alla Segretaria nazionale delle ACLI Colf, Giamaica Puntillo, pubblicata da Ingenere.

Il testo integrale

Buona Pasqua dalle ACLI Colf

In questi difficili giorni, le ACLI Colf desiderano augurare a tutte e tutti – e in particolar modo alle migliaia di lavoratrici e lavoratori domestici che ancora una volta devono combattere per vedersi riconosciuti i propri diritti – una buona Pasqua.

La speranza della Resurrezione ci accompagni e ci conforti in questo momento buio

Puntillo: serve una sanatoria per gli irregolari che lavorano in Italia

Si riporta un breve rassegna stampa dei principali giornali che hanno ospitato le dichiarazioni della Segretaria nazionale ACLI Colf, Giamaica Puntillo, la quale ha richiesto una sanatoria per gli stranieri irregolari presenti in Italia al fine di garantire anche a loro le adeguate tutele. 

Il Manifesto 

Avvenire 

Vita 

9colonne 

Puntillo: serve una sanatoria per gli irregolari che lavorano in Italia

Si riporta un breve rassegna stampa dei principali giornali che hanno ospitato le dichiarazioni della Segretaria nazionale ACLI Colf, Giamaica Puntillo, la quale ha richiesto una sanatoria per gli stranieri irregolari presenti in Italia al fine di garantire anche a loro le adeguate tutele. 

Il Manifesto 

Avvenire 

Vita 

9colonne 

Anche le ACLI COlf di Torino intervistate dalla stampa

La Responsabile delle ACLI Colf di Torino, Laura Malanca, intervistata sulle colonne de “La Stampa”, lancia il grido di allarme: la situazione delle colf e badanti è molto difficile, bisogna intervenire con chiarezza e determinazione.
Leggi l’articolo completo

CASSA COLF: estesa agli iscritti la copertura per Covid -19

È stata estesa anche agli iscritti di CASSA COLF una copertura per COVID-19, attiva dal 1° gennaio al 30 giugno 2020. Ai lavoratori iscritti che a seguito dell’effettuazione del tampone sono risultati positivi al virus COVID-19, con certificazione rilasciata dalle Autorità competenti su conferma del Ministero della Salute e/o dell’Istituto Superiore di Sanità, si prevede: 

  • in caso di ricovero presso strutture pubbliche individuate per il trattamento del virus dal Ministero, l’Assicurato avrà diritto a un’indennità di €. 40,00 per ogni notte di ricovero per un periodo nonsuperiore a 50 giorni all’anno.
  • qualora, secondo le prescrizioni dei sanitari e con attuazione delle disposizioni in esso contenute, si renda necessario un periodo di isolamento domiciliare, a seguito di positività al virus, l’Assicurato avrà diritto a un’indennità di € 40,00 al giorno per ogni giorno di permanenza presso il proprio domicilio per un periodo non superiore a 14 giorni all’anno. La diaria giornaliera per isolamento domiciliare verrà corrisposta anche qualora l’Assicurato non abbia preventivamente subito un ricovero.

Lavoro domestico: le principali novità

Riassumiamo tutte le principali novità che hanno riguardato il settore domestico e di cura, elencando le informazioni utili per tutte le lavoratrici e i lavoratori impiegati in questo ambito:

– Il lavoro domestico e di cura non rientra tra le attività attualmente sospese dal Governo

– La cassa integrazione in deroga non è estesa alle lavoratrici e ai lavoratori del settore domestico e di cura

– Sono sospesi i contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria dovuti dai datori di lavoro domestico in scadenza nel periodo dal 23 febbraio 2020 al 31 maggio 2020. Il termine ultimo per il loro versamento è il 10 giugno 2020

– Il divieto di licenziamento per giustificato motivo oggettivo non è applicabile al lavoro domestico e di cura

– Ad oggi non è prevista una rimessa diretta del premio di € 100 da parte dell’INPS per i lavoratori alle dipendenze di soggetti che non siano sostituti di imposta, come appunto i datori di lavoro domestici.

Sospensione dei contributi previdenziali

Tra le misure contenute nel Decreto Legge Covid – Ter del Consiglio dei Ministri dello scorso 16 marzo, a proposito dei contributi del lavoro domestico, si segnala che “sono sospesi i termini relativi ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria dovuti dai datori di lavoro domestico in scadenza nel periodo dal 23 febbraio 2020 al 31 maggio 2020”

Le ACLI Colf su il “Redattore Sociale”

Segnaliamo questo articolo pubblicato sulle colonne del “Redattore Sociale” dove è presente anche il contributo di Giamaica Puntillo, Segreteria Nazionale ACLI Colf, a proposito dei problemi che ora stanno interessando il settore del lavoro domestico, a seguito della diffusione del Coronavirus in Italia.

L’articolo

Giamaica Puntillo ospite a “Bel Tempo si spera”

Questa mattina la Segretaria nazionale ACLI Colf, Giamaica Puntillo, è stata ospite della trasmissioneBel Tempo si spera” su TV2000. Durante il programma si è ampiamente parlato di lavoro domestico, partendo da un fatto di cronaca che ha visto coinvolta una collaboratrice domestica. Al centro del dibattito le condizioni delle lavoratrici domestiche, il lavoro nero e l’importanza di nuove politiche che possano salvaguardare le esigenze delle lavoratrici domestiche e delle stesse famiglie presso cui lavorano.

Giamaica Puntillo a "Bel tmpo si spera", TV 2000"   Giamaica Puntillo a "Bel tempo si spera", TV2000"

Consegnati a Latina gli attestati di fine corso

Durante il XXVII Congresso delle Acli Provinciali di Latina, svoltosi sabato 8 febbraio 2020 presso la Curia Vescovile di Latina per eleggere la nuova dirigenza delle Acli provinciali di Latina, sono stati consegnati gli attestati alle assistenti familiari che hanno svolto, con esisti positivi e soddisfacenti, il corso di formazione professionale.
Il corso era composto da diversi moduli didattici strutturati in 88 ore, tra istruzione teorica e pratica.
La consegna attestati è stata effettuata dall’Assessore alle politiche sociali del Comune di Pontinia Beatrice Milani; dal Presidente delle Acli provinciali di Latina Maurizio Scarsella e dal Presidente nazionale dell’UsAcli Damiano Lembo, che ha coordinato i lavori della Assemblea Congressuale.
Ad accompagnare le lavoratrici una delegazione di Acli Colf Latina guidata da Miriam Zerbinati.

Consegnati a Latina gli attestati di fine corso

Brindisi: consegnati gli attestati di partecipazione

Lo scorso 10 febbraio a Brindisi si è svolta la cerimonia di consegna degli attestati alle numerose partecipanti che nel 2019 hanno frequentato il corso per assistenti familiari organizzato dalle ACLI Colf brindisine. All’evento di chiusura, che ha visto la presenza di numerose persone, sono intervenuti la Segretaria nazionale delle ACLI Colf, Giamaica Puntillo, il responsabile delle Acli Colf di Brindisi Michele Lanzillotta, il Presidente delle ACLI di Brindisi Antonio Albanese, e Gianluca Budano, membro di Presidenza Acli.

Brindisi: consegnati gli attestati di partecipazione Brindisi: consegnati gli attestati di partecipazione Brindisi: consegnati gli attestati di partecipazione Brindisi: consegnati gli attestati di partecipazione

Campobasso: le foto dell’incontro “Aspetti contrattuali: istruzioni operative per combattere il lavoro nero”

Alcuni scatti dell’incontro organizzato dalle ACLI Colf di Campobasso lo scorso 6 febbraio, dove hanno partecipato numerose persone interessate a conoscere l’esperienza dell’Associazione Professionale ACLI Colf, i corsi di formazioni offerti e tutti gli aspetti tecnici legati al contratto del lavoro.

On-line la tabella dei contributi 2020 per i lavoratori domestici

È da oggi disponibile su questo sito la tabella del contributi Colf 2020, in vigore dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019, come comunicato dall’ISTAT con circolare n.17 del 06 febbraio 2020

Tabella contributi 2020

On-line la tabella dei minimi retributivi 2020

Pubblichiamo la tabella dei minimi retributivi 2020, relativa alle retribuzioni del settore domestico per l’anno in corso e i valori di vitto e alloggio convenzionali.
I minimi retributivi sono in vigore dal 1° gennaio 2020.
Clicca di seguito per visualizzare la TABELLA DEI MINIMI RETRIBUTIVI 2020

Campobasso: un incontro sul lavoro nero

Il prossimo 6 febbraio, presso la sede ACLI di Campobasso di via Cavour 31, si svolgerà l’incontro dal titolo “Aspetti contrattuali: istruzioni operative per combattere il lavoro nero”, organizzato dalle ACLI Colf con la collaborazione delle ACLI provinciali, del Patronato, del Caf e della Fap. L’incontro, che comincerà alle ore 15, sarà moderato da Enzo Scialò, presidente ACLI Service Molise. Tra i relatori previsti: Alessandro Orofino, Coordinatore formazione ACLI Colf; Annamaria Totaro, Direttore Patronato ACLI Campobasso; Elisabetta Tartarino, Responsabile ACLI Colf Campobasso; Michele Rillo, consulente legale; Giamaica Puntillo, Segretaria nazionale ACLI Colf; Stefania Ciullo delle ACLI di Benevento.

Leggi il programma

10 gennaio: scade il quarto trimestre per il pagamento dei contributi di colf e badanti

Il 10 gennaio scade il 4° trimestre per il versamento dei contributi Inps dei lavoratori domestici. I bollettini MAV dei contributi dei lavoratori domestici arrivano direttamente al domicilio del datori di lavoro, entro 30 giorni, dall’inoltro della denuncia telematica Inps. I pagamenti possono essere fatti tramite il bollettino elettronico M.A.V. o attraverso il servizio PagoPA.

Varese, il 12 gennaio la festa di inizio Anno

Il Circolo Acli Colf di Varese organizza la Festa d’Inizio d’Anno, che si terrà Domenica 12 di Gennaio 2020 alle ore 15.00 in Sede Acli di Varese ,Via Speri Della Chiesa 9,(piano terra) per passare un pomeriggio insieme con tanto divertimento, merenda e tanti premi.

Come tutti gli anni il ricavato viene donato ad associazioni del settore sociale. Quest’anno sarà devoluto all’Associazione Assistenza Carcerati e Famiglie di Gallarate che da diversi anni assiste le famiglie dei detenuti aiutandoli ad affrontare le difficoltà quotidiane.

guarda la locandina

Le ACLI Colf all’incontro “L’Italia non è un paese per donne”

Mercoledì 04 dicembre, la Segretaria nazionale ACLI Colf, Giamaica Puntillo, interverrà all’incontro “L’Italia non è un paese per donne” che si terrà alle ore 10 presso il salone del 1° piano di Palazzo Achille Grandi a Roma. Saranno presenti anche il Presidente ACLI Roberto Rossini, la Responsabile del Coordinamento Donne Agnese Ranghelli, il Segretario della Fap ACLI Serafino Zilio e il referente dei progetti di Servizio Civile, Mauro Perotti. Da Perugia interverranno due volontarie del servizio civile, Marta Fanfano e Samuele Lucarelli, i quali riporteranno la loro esperienza territoriale.

Leggi il programma

BUONE FESTE DALLE ACLI COLF

Le Acli Colf augurano Buon Natale e Felice anno Nuovo!!!

Cosenza, secondo appuntamento con la Bottega del Riciclo Solidale

Giovedì 5 dicembre 2019 le ACLI Colf di Cosenza organizzano il secondo appuntamento con la BOTTEGA DEL RICICLO SOLIDALE. Qui sarà possibile donare i propri abiti e accessori usati e trovare, acquistandoli con un piccolo contributo, capi di diverse marche (per uomo, donna e bambino), borse e scarpe come nuovi, che si potranno misurare e portare a casa. L’appuntamento è dalle 15.30 alle 17.30 presso il Circolo ACLI Centro Storico, in p.zza Zumbini 3 (pal. Cundari). Il ricavato verrà impiegato per iniziative solidali e culturali. Per info 3275504688 – 3427213368

Varese, le ACLI Colf organizzano la proiezione di un film

Le ACLI Colf di Varese, nell’ambito della rassegna “Un posto nel mondo 2019”, organizzano il prossimo 10 novembre la proiezione del film “Tutto quello che vuoi” di Francesco Bruni. L’ingresso è gratuito e l’iniziativa si terrà in via Speri della Chiesa 9 a Varese
Per leggere la locandina clicca qui

Milano, “Le Donne e le parole non dette”

Si svolgerà il prossimo 10 novembre a Milano l’incontro “Le Donne e le parole non dette”. L’iniziativa, organizzata dalle ACLI Colf milanesi, con la partecipazione della giornalista Daniela Stasi, si rivolge a tutte le donne che hanno partecipato la laboratorio autobiografico “Le donne e le parole non dette”, svoltosi la scorsa primavera presso le ACLI Colf. Obiettivo di questo nuovo appuntamento, che si terrà in via della Signora 3 a partire dalle ore 14.30, è quello di offrire alle partecipanti l’opportunità di presentare alcuni dei loro lavori svolti e di raccontarsi a partire dal legame con la città che le ospita.
Per leggere la locandina clicca qui

Cosenza, la tavola rotonda “Badiamo al lavoro”

Il 24 ottobre, presso la Biblioteca Civica di Rende, le ACLI Colf hanno dato vita alla tavola rotonda dal titolo “Badiamo al lavoro per rispondere alle fragilità sociali”. Focus della discussion

e è stata la figura degli assistenti familiari e l’istituzione di un elenco istituito a livello comunale da cui le famiglie possano attingere, con la garanzia di trovare lavoratori competenti e formati, con esperienza nel settore. Grazie ai contributi di tutti i partecipanti, tra i quali l’Assessore al Lavoro e al Welfare della Regione Calabria Angela Robbe, è stato possibile individuare i punti centrali di questo progetto, ovvero tutelare i diritti degli Assistenti Familiari, contrastando il lavoro nero, e consentire loro dei percorsi formativi che li rendano competenti e validi nei loro servizi di cura e assistenza ad anziani, bambini e famiglie. All’incontro, moderato da Pino Campisi, dove hanno portato il loro saluto Caterina De Rose, Presidente provinciale ACLI Cosenza e Martina Mauti, Responsabile ACLI Colf Cosenza, è intervenuta anche la Segretaria nazionale ACLI Colf, Giamaica Puntillo, la quale ha ribadito la centralità della formazione professionale quale strumento per garantire un servizio di qualità e inoltre ha sottolineato l’importanza del riconoscimento della figura dell’assistente familiare nella cornice del lavoro domestico. Presente anche la Responsabile nazionale del Coordinamento Donne ACLI, Agnese Ranghelli, che esortato a non abbassare la guardia verso le discriminazioni di cui le donne sono ancora oggi vittime.

Il servizio al TG Regionale (a partire dal minuto 7)

IDOS: Presentato il nuovo Dossier Statistico Immigrazione

È stato presentato il 24 ottobre a Roma il XXIX Dossier Statistico Immigrazione, curato da IDOS, in partenariato con “Confronti” e con il sostegno dell’8xMille della Tavola Valdese. Come ogni anno, l’indagine ha fotografato la situazione italiana dove, nel 2018 vivevano oltre 1,3 milioni di minori stranieri cosiddetti di “seconda generazione”. Lo studio descrive l’immigrazione e l’emigrazione in Italia partire dai dati statistici ufficiali, attraverso una pluralità di punti di vista e a approcci disciplinari.

Le ACLI Colf all’evento conclusivo del progetto “E io…avrò cura di te”

Le ACLI Colf parteciperanno il prossimo 17 ottobre all’evento conclusivo del progetto “E io…avrò cura di te”, iniziativa organizzata dalle ACLI di Roma nell’ambito della quinta edizione dell’Ottobrata Solidale. Sarà presente a questo appuntamento la Segretaria Nazionale, Giamaica Puntillo. Nel corso della giornata, in cui saranno presenti anche esponenti del mondo politico, associativo e culturale, verrà presentato il vademecum del Caregiver, ossia una guida in grado di orientare sul lavoro di cura sia i caregiver che le famiglie.

Guarda la locandina cliccando qui

Cosenza, la tavola rotonda “Badiamo al Lavoro”

Si svolgerà il prossimo 24 ottobre la tavola rotonda organizzata dalle ACLI Colf dal titolo Badiamo al lavoro. Per rispondere alle fragilità sociali. Durante l’incontro, che si svolgerà a partire dalle ore 15.30 presso la Biblioteca Civica di Rende (CS),in piazza Santo Sergio, ci si confronterà sul patto formativo per le assistenti familiari e le baby-sitter. Moderati da Pino Campisi, della Presidenza Regionale delle Acli Calabria, interverrà la Segretaria nazionale delle ACLI Colf, Giamaica Puntillo. Con lei prenderà la parola Annamaria Artese, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Rende, Alessandra De Rosa, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Cosenza, Maria Rosa Scavella, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Belvedere, Agnese Ranghelli, Responsabile nazionale del Coordinamento Donne ACLI, Angela Robbe, Assessore al Lavoro e Welfare Regione Calabria. Porteranno inoltre i loro saluti Caterina De Rose, Presidente Provinciale delle ACLI di Cosenza e Martina Mauti, Responsabile ACLI Colf Cosenza. 

Guarda la locandina cliccando qui

ACLI Colf, è partito il tesseramento 2020

È finalmente partito il tesseramento delle ACLI Colf. A partire dal 1° ottobre sarà dunque possibile sottoscrivere la tessera ACLI Colf, che avrà durata fino al 31 dicembre 2020, e che offrirà a tutti i nuovi associati la possibilità di beneficiare dei molteplici servizi offerti dalle ACLI Colf.

Il 10 ottobre scade il terzo trimestre per il versamento dei contributi

Ricordiamo che entro il 10 ottobre devono essere versati i contributi relativi ai rapporti di lavoro domestico. È infatti in scadenza il terzo trimestre. Le prossime scadenze saranno il 10 gennaio 2020, per il quarto trimestre, e il 10 aprile, per il primo trimestre dell’anno nuovo.

Di seguito il link alla Tabella contributi lavoro domestico 2019, mentre maggiori informazioni sulle scadenze e sulle modalità di pagamento le potete trovare al seguente collegamento Contributi Lavoratori Domestici

Le ACLI Colf incontrano l’assessore alle politiche sociali della Regione Calabria

Si è svolto lo scorso 19 settembre a Catanzaro un incontro tra la delegazione ACLI Colf e l’Assessore al Lavoro ed alle Politiche Sociali della Regione Calabria, Angela Robbe.

A guidare l’appuntamento Giamaica Puntillo, Segretaria Nazionale ACLI Colf, accompagnata, tra gli altri, dalla Presidente ACLI di Cosenza, dal Presidente Regionale delle ACLI Terra e dal Segretario Regionale della FAP ACLI.
Durante il confronto le tematiche sostenute da Giamaica Puntillo sono state di forte interesse e hanno riguardato, in particolare, la possibilità di offrire alle famiglie un servizio di aiuto per le persone anziane, disabili e bambini, qualificando il lavoro di cura mediante percorsi di formazione specifici per badanti e baby sitter e contrastando il lavoro nero attraverso collaboratori iscritti al registro regionale e l’utilizzo di nuove tecnologie Ict (Tecnologie di informazione e comunicazione).

All’Assessore Robbe è stato proposto di avviare in Calabria una iniziativa sperimentale relativa al “Registro regionale degli Assistenti Familiari” con l’obiettivo di facilitare i cittadini in tema di assistenza familiare, favorendo l’incrocio domanda-offerta e garantendone la qualità del servizio. L’Assessore ha manifestato il suo impegno per la presentazione e l’approvazione di una legge regionale sulle assistenti familiari con lo scopo anche di creare le condizioni normative finalizzate alla qualificazione e certificazione delle competenze.

Cosenza: corso di italiano per stranieri

Le Acli Colf offrono a tutti gli interessati un corso gratuito di lingua italiana. L’appuntamento è tutti i giovedì alle ore 15 presso la sede provinciale Acli in via degli Alimena 76 (Cs).

Per info e prenotazioni contattare le volontarie di Servizio Civile ai seguenti recapiti: Federica 3498629856; Maria Antonietta 3358408742

La Spezia, al via il corso di formazione per colf e badanti

Comincia domani il corso di formazione per colf e badanti organizzato dalle ACLI Colf di La Spezia. Nei mesi
di settembre e ottobre oltre venti partecipanti di varie nazionalità seguiranno i due moduli didattici per una
durata complessiva di 64 ore, al termine delle quali verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Padova, il seminario pubblico “Work, migrations and health”

Si svolgerà lunedì 2 settembre, presso l’Università di Padova, l’incontro dal titolo “Work, migrations and health”. L’appuntamento è presso la sala degli specchi, in via Cesarotti 10/12.

Tra i relatori della giornata, Francesca Alice Vianello (Università di Padova), Federica Zaccagnini (Università di Padova), Veronica Redini (Università di Padova), Donatella Cozzi (Università di Udine), Sabrina Marchetti (Università Cà Foscari), Venera Protopapa (Università di Verona) e Fiorentina Longobardi (Università di Padova)

Per leggere il programma cliccare qui

Vacanze e lavoro domestico

Agosto, tempo di ferie. In questo periodo sono molte le persone che partono per andare in vacanza. Tra queste anche tante lavoratrici domestiche. Il Contratto Nazionale del Lavoro Domestico, infatti, prevede 4 settimane e due giorni di ferie annuali, normalmente retribuite, da prendersi, preferibilmente, tenendo conto delle esigenze di tutti. Per i lavoratori stranieri il CCNL prevede inoltre che le ferie di un biennio possano essere accumulate per beneficiare poi di una vacanza più lunga nel proprio paese d’origine. Le ferie sono un diritto irrinunciabile e non possono essere godute nei periodi di malattia, infortunio o licenziamento.

Latina: partito il corso di formazione per colf e badanti

A Latina è partito la settimana scorsa il corso di formazione per colf e badanti, della durata di 64 ore, che continuerà anche ad agosto, con una piccola pausa estiva, per poi concludersi a settembre. Entusiaste le partecipanti le quali, al termine, riceveranno un attestato di partecipazione e avranno inoltre la possibilità di potersi sottoporre ad un esame riconosciuto dal Ministero per il bilancio delle competenze.

Lavoro domestico: è sempre difficile dimostrare le molestie subite in casa

Una recente sentenza della Cassazione ha respinto il ricorso di una lavoratrice domestica la quale aveva denunciato le attenzioni moleste di un parente dell’anziano che lei assistiva. Era stata persino minacciata di licenziamento qualora non avesse accettato le sue avances. Secondo i giudici, però, la testimonianza della donna non era sufficiente. La storia dimostra come ancora una volta sia difficile far emergere gli episodi di molestie all’interno delle mura domestiche da parte di alcuni datori di lavoro.
Il fenomeno della violenza è stato più volte affrontato anche dalle ACLI Colf, come riportato in questo articolo del Sole24ore in cui sono illustrati i dati di una indagine condotta su oltre 800 lavoratrici domestiche nella quale era emerso come il 14,2% delle interviste aveva subito delle forme di violenza da parte del proprio datore di lavoro.

Le nuove forme di sfruttamento delle badanti

Si segnala questo articolo, pubblicato su Avvenire, relativo alle nuove forme di caporalato che colpiscono le badanti all’interno delle case di riposo. L’indagine rivela il giro d’affari nelle strutture dell’Emilia Romagna, sebbene il fenomeno sia riscontrabile in tutta Italia come spiega, all’interno delle colonne, la Segretaria Nazionale delle ACLI Colf, Giamaica Puntillo.

Guarda qui

Belvedere Marittimo (CS): Grande partecipazione alla tavola rotonda

Nella suggestiva cornice della Casa Famiglia “Il Belvedere”, nel centro storico di Belvedere Marittimo (CS), si è svolta lunedì 8 luglio la tavola rotonda dal titolo “Lavoratrici domestiche: una preziosa figura professionale da rivalorizzare”, moderata da Maria Donato. A conclusione dei due percorsi formativi di 64 h per assistenti familiari, tenutisi a Cosenza e Belvedere, le ACLI Colf di Cosenza e il Circolo ACLI “Giovanni Paolo II” di Belvedere hanno organizzato questo incontro al quale erano presenti, tra gli altri, molte corsiste e docenti, oltre ad alcuni rappresentanti dell’amministrazione comunale. Dopo un breve momento spirituale a cura di d. Giovanni Alessi, hanno portato i loro saluti Caterina De Rose, Presidente provinciale ACLI Cosenza, Santina Bruno, Presidente del Circolo “Giovanni Paolo II” e Martina Mauti, Responsabile del Coordinamento Territoriale ACLI Colf Cosenza. I contributi delle tre dirigenti locali hanno insistito sull’importanza di una sempre maggiore prossimità al territorio e sull’indispensabile sinergia tra le parti. I successivi interventi di Filippo Moscato, Presidente Regionale delle ACLI Calabria, Agnese Ranghelli, Responsabile Nazionale Coordinamento Donne e Alessandro Orofino, coordinatore formazione ACLI Colf, hanno invece rimarcato la centralità della formazione nell’attività dell’Associazione Professionale, tesa ad intercettare i bisogni delle lavoratrici del settore domestico, promuovendone le competenze e la tutela dei diritti. In particolar modo Renato Gasperi, esperto di Politiche Sociali e del Lavoro, ha proposto l’avvio di un progetto sperimentale volto a sottoporre alle diverse strutture cliniche del territorio un albo delle lavoratrici domestiche formate dalle ACLI Colf, con l’intento di fornire alle famiglie in stato di necessità una risposta tempestiva alla loro domanda di cura attraverso una lista di personale qualificato referenziato. Giamaica Puntillo, Segreteria Nazionale ACLI Colf, ha infine concluso i lavori, sottolineando l’aumento delle italiane tra le lavoratrici domestiche, l’importanza del contrasto al lavoro nero, il quale incide negativamente anche sulle casse dello Stato, e il costante impegno delle ACLI Colf che nel tesseramento di prossima partenza troveranno un ulteriore strumento per affermare la propria identità e sviluppare un maggiore radicamento territoriale.

Belvedere Marittimo (CS), la tavola rotonda sull’importanza delle lavoratrici domestiche

Si svolgerà lunedì 8 luglio alle ore 17.30, presso la Sala Conferenze Casa Famiglia “Il Belvedere”, a Belvedere Marittimo (CS), la tavola rotonda dal titolo “Lavoratrici domestiche: una preziosa figura professionale da rivalorizzare”. L’incontro, moderato da Maria Donato, segue il corso di formazione per assistenti familiari della durata di 64 h conclusosi qualche giorno fa e tenutosi proprio a Belvedere. Durante l’appuntamento, che vedrà la partecipazione anche dei docenti intervenuti al percorso formativo, saranno presenti dirigenti locali e nazionali delle ACLI. La conclusione dei lavori sarà invece affidata a Giamaica Puntillo, Segretaria nazionale ACLI Colf.

Per vedere la locandina clicca qui

Il 10 luglio scade il secondo trimestre per i pagamenti dei contributi

Per le famiglie che hanno alle dipendenze colf e badanti è in arrivo la scadenza del termine di pagamento dei contributi previdenziali relativi al secondo trimestre 2018. L’ultimo giorno utile è infatti il 10 luglio.

Per pagare è possibile adoperare i bollettini Mav precompilati che l’Inps manda a casa.

Anche per le badanti e le colf è obbligatorio procedere al versamento dei contributi previdenziali dell’Inps.

La prossima scadenza sarà il 10 ottobre 2019. Di seguito il link alla tabella contributi lavoro domestico 2019

Lavoro domestico: diminuiscono le colf e le badanti, ma cresce il numero delle italiane

Secondo i recenti dati pubblicati dall’Osservatorio dell’Inps, nel 2018 in Italia le lavoratrici domestiche contribuenti erano 860mila, con un calo netto di circa 100mila unità rispetto a cinque anni fa. I dati mostrano inoltre che aumentano sempre più le italiane che decidono di impiegarsi in questo settore. La crescita continua ormai da qualche anno e nel 2018 l’aumento è stato circa dell’11%.

E’ confermato il dato secondo cui le badanti e le colf siano prevalentemente donne (70%), tra i 50 e i 60 anni, proveniente in maggioranza dall’Est Europa (rumene e moldave in primis), impiegate soprattutto al Nord: al vertice la Lombardia, seguita da Lazio ed Emilia Romagna. Sempre meno, invece, gli uomini.

Gita a Cerreto Laghi (RE)

Le ACLI Colf di La Spezia offrono alle proprie Socie una gita turistica a Cerreto Laghi (RE), la prossima domenica 28 luglio. Di seguito il programma della giornata

· PARTENZA da La Spezia – Piazza Chiodo alle ore 8,30;

· PARTENZA dal “ Cerreto Laghi “ alle ore 18,30/19

· Arrivo previsto a La Spezia alle ore 20,00 circa.

· PRANZO al sacco

La gita sarà un bel modo per confrontarsi, socializzare e conoscere le nuove ACLI Colf Associazione Professionale. Durante il tragitto ci sarà occasione anche per ragionare insieme sulle attività da svolgere durante l’anno, valutando la possibilità di qualche corso o incontro su temi specifici di carattere sociale, medico o culturale.

Nel viaggio di ritorno sarà prevista una piccola lotteria a premi. Per chi volesse partecipare, occorre iscriversi entro il 14 luglio chiamando i numeri 2924147852 – 3291934263

Torino alla scoperta della natura

Giovedì 4 luglio le ACLI Colf di Torino organizzano una visita al museo torinese “A come ambiente”, di c.so Umbria 90. L’appuntamento – l’ultimo prima delle vacanze estive – inizierà alle ore 15 e sarà particolarmente interessante perché si tratta del primo museo europeo dedicato ai temi ambientali, all’interno del quale è possibile sperimentare, seguire percorsi didattici e scoprire il funzionamento della natura.

Le Acli Colf alla trasmissione "Attenti al lupo: l'intervento di Giamaica Puntillo

I lavoratori domestici nel nostro Paese. La crisi economica e il ritorno di molti italiani nel settore di cura. Il periodo estivo e le ferie di colf e badanti. E ancora, il lavoro nero e i contratti disponibili per regolarizzare gli assistenti familiari. Tanti i temi trattati ieri nel corso della puntata de “Attenti al Lupo” su TV2000 dove è intervenuta Giamaica Puntillo, Segretaria nazionale ACLI Colf. In studio, insieme a lei, anche il Segretario nazionale di Domina, Lorenzo Gasparrini.

Guarda la puntata

Giamaica Puntillo ospite alla trasmissione "Attenti al lupo" - 26/06/2019

Questa sera la Segretaria nazionale ACLI Colf, Giamaica Puntillo, sarà ospite della trasmissione “Attenti al lupo”, in onda su TV2000, a partire dalle ore 19. Il tema della puntata riguarderà le problematiche di colf e badanti durante il periodo estivo, con una particolare attenzione al tema delle ferie, dei contratti e delle sostituzioni.

Dal mondo: Inaugurato a Madrid il primo centro di empowerment per i lavoratori domestici

Nei giorni scorsi è stato inaugurato a Madrid il primo centro per l’empowerment dei lavoratori domestici e di cura pensato come uno spazio di accoglienza, accompagnamento, incontro e rafforzamento che mira ad affrontare trasversalmente i bisogni, le esigenze e le potenzialità dei dipendenti di casa e di cura, offrendo assistenza individualizzata e di gruppo attraverso un intervento completo, con particolare attenzione ai diritti umani, al genere e alla diversità. All’interno opera un team di professionisti – avvocati, psicologi, assistenti sociali – i quali animeranno l’attività del centro.

Roma: Formazione e tutela al centro delle due giornate di incontro promosse da ACLI Colf (15- 16 giugno 2019)

Si sono concluse le due giornate di lavoro organizzate dalle ACLI Colf. Lo scorso 15 giugno, infatti, è stato realizzato presso CasAcli un momento formativo rivolto alle responsabili e ai responsabili dei coordinamenti territoriali ACLI Colf, con l’obiettivo di fornire gli strumenti indispensabili per coordinare l’attività dell’Associazione professionale sui territori.
L’incontro, moderato da Erica Mastrociani, consigliera di presidenza con delega alla formazione ACLI, ha previsto una prima sessione di carattere politico a cura della Segretaria nazionale ACLI Colf, Giamaica Puntillo; una seconda, legata alla comunicazione, affidata alla giornalista Antonella Pitrelli dell’Ufficio Comunicazione ACLI, e una terza, più specificatamente organizzativa, a cura di Alessandro Orofino (ACLI Colf).
Leggi l’articolo completo

Lavoratrici domestiche e sfruttamento

Il tema dello sfruttamento è purtroppo largamente diffuso nel settore domestico. In questo ambito, da anni, sono attive numerose società che si propongono come intermediari tra lavoratori e famiglie in cerca di qualcuno che assista il proprio caro. Si tratta per lo più di cooperative che mettono in contatto questi due mondi. Il problema nasce dal fatto che buona parte dei soldi che le famiglie pagano, vengono intascati dalla cooperativa che alle colf e badanti finisce per riconoscere solo una piccola quota, nonostante gli estenuanti turni di lavoro costrette a espletare. Si parla infatti di una media di 7/800 euro mensili, spesso lorde, a fronte di 22 ore giornaliere. Il più delle volte le cooperative rilasciano una fattura che la lavoratrice domestica ha incassato dalla famiglia come lavoratrice autonoma. Un escamotage perfettamente regolare visto che nella fase attuale la normativa presenta ancora dei vuoti. Maggiormente penalizzate sono le straniere, soprattutto quelle con una scarsa conoscenza della lingua italiana e con grosse difficoltà economiche.

Varese, le Acli colf organizzano una gita a parma

Le ACLI Colf di Varese organizzano per domenica 9 giugno una gita a Parma. La partenza è prevista alle ore 06.30 con visita poi al centro storico della Città, ingresso alla Cattedrale di Santa Maria Assunta, visita al Battistero  di San Giovanni  e al Complesso della Pilotta-Teatro Farnese. Il rientro è previsto per le 19.30.

Per maggiori info e contatti chiamare lo 0332281204 (Elisa) o lo 3392195306 (Giovanna).

Varese, parte la seconda edizione del corso per assistenti familiari

Dopo i percorsi formativi di Gallarate e Varese del 2018, il 29 maggio partirà l’edizione 2019 del corso di formazione per assistenti familiari, organizzato dalle ACLI Colf di Varese con la collaborazione di AGSG e Uiltucs. Previsti 25 partecipanti per una durata complessiva di 64 ore distinti in due moduli, uno generico-polifunzionale di 40 ore ed un secondo di 24 ore più specifico per colf e badanti. Il corso si terrà in via Speri della Chiesa 9, presso la sede provinciale delle ACLI di Varese.

Latina, un incontro sulla nuova associazione professionale

Sabato 25 maggio le ACLI Colf di Latina organizzano un incontro dal titolo “Diritti e doveri. Confronto tra rappresentanze nazionali e provinciali di ACLI Colf e assistenti familiari“.
Presso la sede provinciale ACLI in viale XVIII Dicembre 1943, alle ore 15 verrà presentata la nuova Associazione Professionale ACLI Colf. Porterà il suo saluto la Segretaria nazionale delle ACLI Colf, Giamaica Puntillo.

Belvedere (CS), pronto a partire il corso di formazione per colf e badanti

Dopo Cosenza, anche Belvedere (CS) ospiterà un corso di formazione per colf e badanti, sempre con il sostegno di UILTuCS e AGSG. L’inizio è previsto per il 3 giugno, durerà 64 ore e terminerà a luglio. La struttura del corso è identica a quelli già precedentemente avviati in altre province. Numerose sono le partecipanti – in questa edizione tutte italiane, a dimostrazione di una crisi economica che sta inducendo anche molte connazionali a rivalutare il settore domestico e di cura.

Latina, un incontro sulla nuova associazione professionale

Sabato 25 maggio le ACLI Colf di Latina organizzano un incontro dal titolo “Diritti e doveri. Confronto tra rappresentanze nazionali e provinciali di ACLI Colf e assistenti familiari“. Presso la sede provinciale ACLI in viale XVIII Dicembre 1943, alle ore 15 verrà presentata la nuova Associazione Professionale ACLI Colf. Porterà il suo saluto la Segretario nazionale delle ACLI Colf, Giamaica Puntillo.

Le ACLI Colf alla presentazione del libro bianco sul lavoro domestico

Lo scorso 7 maggio le ACLI Colf hanno partecipato alla presentazione del Libro Bianco del lavoro domestico “Famiglia, lavoro e abitazione nell’unione europea“, presentato da Assindatcolf e da Effe nel parlamentino del CNEL a Roma. L’indagine, oltre ad aver illustrato i dati sulla presenza numerica delle colf, badanti e baby sitter – le quali costituiscono l’8,2% del totale dei lavoratori italiani, contribuendo all’1,25% del nostro PIL – ha messo in luce le problematiche che ancora affliggono questa categoria, nonostante la grande rilevanza sociale.

Cosenza, presentazione del libro "Il tempo era adesso"

Giovedì 2 maggio le ACLI Colf di Cosenza organizzeranno la presentazione del libro “Il tempo era adesso”, di Erica Mastrociani, già dirigente delle ACLI Nazionali.
Presso il Chiostro di San Domenico a Cosenza, alle ore 16.30, interverranno Caterina De Rose, Presidente provinciale di Cosenza, Giamaica Puntillo, Segretaria nazionale ACLI Colf, Martina Mauti, Responsabile Coordinamento territoriale di Cosenza e Mariangela Caserta del Coordinamento Donne ACLI.
Discuteranno con l’autrice Antonio Sergi, giornalista e Maria Donato della Presidenza ACLI di Cosenza.

Milano, al via il corso di formazione per colf e badanti

Le ACLI Colf di Milano organizzano un corso di formazione per colf e badanti, con il sostegno di UILTuCS e AGSG. A partire, infatti, dal 4 maggio, potranno partecipare assistenti familiari e disoccupati in cerca di occupazione nel lavoro domestico e di cura.
Per una durata di 64 ore, il corso, completamente gratuito, terminerà il 13 luglio e si terrà presso la sede delle ACLI milanesi, in via della Signora 3 (Salone Clerici). Le lezioni si svolgeranno tutti i sabati, fino a giugno.
Al termine, a chi avrà assicurato almeno l’80% ore di presenza, verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Cosenza, giunto alla terza edizione il corso per colf e badanti

Un secondo corso di formazione per colf e badanti, sempre con il sostegno di UILTuCS e AGSG, verrà organizzato dalle ACLI Colf di Cosenza. Inizierà lunedì 6 maggio e durerà 64 ore.
Identica alle precedenti la strutturazione del corso prevede due moduli, uno di carattere generico-polifunzionale, della durata di 40 e un secondo, invece, di 24 h, sarà più specialistico e riguarderà la cura dell’anziano disabile: come controllarlo, come accompagnarlo al di fuori dell’abitazione, come assisterlo e pulirlo.
Alla fine, a chi avrà assicurato almeno l’80% ore di presenza, verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Milano, quattro incontri per riscoprire il valore dell'essere donna

Le ACLI Colf di Milano, insieme alle ACLI milanesi, organizzano il laboratorio “Le Donne e le parole non dette“. Si tratta di quattro incontri e una mostra, finanziati con i fondi del 5×1000, per riscoprire il valore dell’essere donna e dell’essere persona, per riconoscere la propria identità e l’importanza delle proprie relazioni familiari e amicali. Quattro le tematiche che saranno approfondite:

  • la storia del mio volto;
  • i volti della mia storia;
  • l’atlante della mia famiglia;
  • …vi racconto la mia vita

Condurrà gli incontri la giornalista Daniela Stasi, esperta di metodologie autobiografiche.
Gli incontri si terranno nel mese di maggio (11, 18 e 25, dalle 14.30 alle 17) e sabato 8 giugno (h. 14.30-17). L’appuntamento è in via della Signora 3, a Milano

Anche a Trieste pronta a partire la formazione per assistenti familiari

Dopo Milano e Cosenza, è la volta di Trieste che il 7 maggio avvierà il corso di formazione per assistenti familiari. Come già per le altre due province, anche nel capoluogo friulano è previsto un percorso di 64 ore che ha visto l’adesione di numerose partecipanti ai quali verrà riconosciuto, al termine, un attestato di partecipazione.

Torino, un incontro per assistere colf e badanti

Le ACLI Colf di Torino invitano i propri associati all’incontro “Informarsi per conoscersi“, occasione durante la quale verranno offerte una serie di informazioni sulla pensione, la maternità, il licenziamento, la disoccupazione, gli assegni familiari, ecc. Saranno presenti all’incontro, che si terrà giovedì 23 maggio e giovedì 30 maggio dalle ore 16 alle 18 in via Perrone B A Torino, la Responsabile del coordinamento ACLI Colf Laura Malanca, la Responsabile delle ACLI Torino Service S.R.L. Paola Cerrato e con i membri di direzione del patronato Acli Torino Elisabetta Botti e Francesca Bergamin.

Cosenza, a breve la presentazione della ricerca sul "Valore Lavoro"

Il prossimo 16 aprile, presso l’Università della Calabria – Arcavata Rende (CS) si svolgerà il seminario dal titolo “Valore Lavoro. Strategie e vissuti di donne nel mercato del lavoro“, organizzato dalle ACLI Colf e dal Coordinamento Donne, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali e il Centro Women’s Studies dell’Università cosentina. L’incontro verterà sulla presentazione della ricerca del Coordinamento Donne ACLI e dell’Iref. Tra i presenti che porteranno il loro contributo anche la Segretario nazionale ACLI Colf, Giamaica Puntillo e la Responsabile del Coordinamento Nazionale Donne ACLI, Agnese Ranghelli.

Torino, alla scoperta di Palazzo Lascaris

Mercoledì 10 aprile le ACLI Colf di Torino organizzano una visita culturale guidata a uno dei più rappresentativi palazzi del capoluogo piemontese: Palazzo Lascaris, dal 1979 sede del Consiglio regionale del Piemonte. Il complesso è un esempio significativo di dimora signorile barocca. Colpisce, in particolar modo, lo scenografico atrio a quattro campate con antiche colonne marmoree. L’Appuntamento è alle ore 14.45 in via Arsenale 14/G.

Cosenza, un incontro sulla società interculturale

Sabato 2 marzo si svolgerà il convegnoCostituzioni, Religioni, Famiglia. Problemi e prospettive nella società interculturale”. L’incontro, organizzato a Cosenza dall’Associazione NeoMedi Calabria, vedrà, tra i relatori, anche la Responsabile ACLI Colf del coordinamento territoriale di Cosenza, Martina Mauti. L’appuntamento sarà alle ore 10.30 presso la sala degli specchi – Palazzo della Provincia – in p.zza XXV Marzo.

Con le Colf di Torino alla scoperta dei capolavori dell'800 e del '900

Il Circolo ACLI Nucleo colf Torino centro organizza per martedì 5 marzo 2019 un pomeriggio con visita guidata alla Galleria d’arte moderna. In un clima di piacevole compagnia si potranno ammirare i capolavori artistici dell’800 e ‘900. L’appuntamento è alle ore 16 presso la GAM, in via Magenta 31 a Torino.

Benevento, una tavola rotonda sulle "culture al femminile"

Lo scorso 16 marzo, presso la sede provinciale delle ACLI beneventane, si è tenuta la tavola rotonda intitolata “Le culture al femminile“, promossa dalle ACLI Colf di Benevento, in collaborazione con il Coordinamento Donne e le ACLI campane. All’appuntamento era presente la Responsabile del coordinamento ACLI Colf di Benevento, Filomena Prete, che ha ribadito la necessità di superare gli stereotipi di genere che ancora oggi condizionano le donne, penalizzandole all’interno della società.

Cosenza, le ACLI Colf organizzano la presentazione dell'Anno Sociale

Le ACLI Colf di Cosenza organizzano per lunedì 18 marzo 2019 la presentazione dell’Anno Sociale presso la sede provinciale ACLI di via degli Alimena 76, a Cosenza. All’appuntamento, che inizierà alle ore 15, porterà i suoi saluti Caterina De Rose, Presidente provinciale ACLI. Seguiranno gli interventi di Martina Mauti, Responsabile del coordinamento territoriale di Cosenza, Teresa Grisolia, Responsabile dello Sviluppo Associativo ACLI provinciali. Chiuderà i lavori Giamaica Puntillo, Segretaria nazionale ACLI Colf.

Torino, le ACLI Colf organizzano un incontro sulla sicurezza

Il 21 e il 28 marzo alle ore 16, le ACLI Colf di Torino organizzano presso la sala B, in via Perrone 5 (Torino) un incontro di formazione sulla sicurezza, dal titolo “Tutela e rischi del lavoro domestico e di cura“. In particolare ci si interrogherà su cosa significhi lavorare in sicurezza, quali siano i rischi del lavorare in casa e quali le prevenzioni per la messa in sicurezza del lavoro.

Varese, con le ACLI Colf a vedere il film "Il medico di campagna"

La prossima domenica, 31 marzo, le ACLI Colf di Varese invitano alla visione del filmIl medico di campagna“, film francese del 2016 girato dal regista Thomas Lilti. Lo spettacolo comincerà alle ore 15 presso la sede ACLI di Varese in via Speri della Chiesa 9. L’ingresso è gratuito e aperto a tutti.

A Varese nuovo appuntamento con "Grazie...le faremo sapere"

Il circolo ACLI Colf di Varese organizza per mercoledì 20 febbraio l’incontro “Grazie…le faremo sapere” pensato per offrire gli strumenti indispensabili in un colloquio di lavoro. L’appuntamento è alle ore 14 in via Speri Della Chiesa 9, a Varese. Sarà presente la docente di Enaip Varese, Raffaella Pigoli. Nel corso dell’incontro si cercherà di capire come si trasmette l’immagine di sè, perchè è indispensabile valorizzare le proprie competenze professionali, come far capire di essere un buon candidato.

La Spezia: un pranzo in allegria

Domenica 3 febbraio le ACLI Colf di La Spezia hanno organizzato un pranzo sociale al quale sono state invitate tutte le partecipanti del corso di formazione per colf e badanti tenutosi nel 2018. Durante la giornata sono stati consegnati gli attestati di partecipazione e per omaggiare le presenti è stata fatta inoltre una piccola estrazione di premi.

Le Acli Colf di Milano presentano il programma associativo 2019

Le Acli Colf di Milano organizzano per domenica 10 febbraio, alle ore 14.30, una festa per promuovere le Acli Colf. In via della Signora 3, presso il Salone Clerici, il programma prevederà i saluti istituzionali, la presentazione del programma associativo 2019, la premiazione dei soci onorari e un momento di convivialità, il tutto arricchito dal gruppo folkloristico bulgaro “Nashenzi“.

Varese: a gennaio la festa di inizio anno

Il circolo Acli Colf di Varese, in collaborazione con il circolo Acli Colf di Varese centro, organizza per Domenica 13 gennaio, ore 15, la consueta festa di inizio anno il cui ricavato sarà devoluto alla Comunità di Sant’Egidio a sostegno del progetto “corridoi umanitari” L’appuntamento è presso le ACLI di Varese, via Speri Della Chiesa Jemoli n. 9 – Varese.

ARTICOLI CORRELATI

VIAGGIO NEL LAVORO DI CURA

Viaggio nel lavoro di cura. Chi sono, cosa fanno e come vivono le badanti che lavorano nelle famiglie italiane” è il titolo della ricerca promossa dalle ACLI Colf, realizzata in collaborazione con Iref ACLI e il sostegno del Patronato ACLI. Il libro, alla cui scrittura hanno contribuito numerosi esponenti del mondo accademico ed esperte/i del settore, si propone di mettere in luce le trasformazioni che hanno investito il lavoro domestico negli ultimi anni e di come il lavoro di cura si sia sviluppato nel nostro Paese. Da tempo, infatti, questo settore è testimone di rilevanti dinamiche e cambiamenti della società: dai mutamenti delle strutture familiari ai flussi migratori, dalle transizioni in atto nei sistemi di welfare ai nuovi rapporti tra generi e generazioni.
La ricerca – di cui la pubblicazione presenta i risultati, oltre ad ospitare contributi specifici sul tema – indaga e affronta vari temi, come l’identità, le competenze, le condizioni di lavoro e le aspettative delle lavoratrici e dei lavoratori impiegati nel loro lavoro di cura. In particolar modo, l’indagine mette in luce chi sono, cosa fanno e come vivono le persone impiegate in questo settore, ovvero le “migliaia” di badanti che lavorano nelle case italiane.