Partono da Bergamo i “Viaggi nella memoria civile”

È stato presentato ufficialmente lunedì 30 ottobre all’Edoné di Bergamo il Viaggio nella memoria civile, un percorso dedicato ai giovani promosso dalle Acli di Bergamo, in collaborazione con il Consorzio Ribes, che prenderà il via domenica 12 novembre 2017.

«Le Acli provinciali di Bergamo hanno pensato ad un percorso dedicato ai giovani dai 18 ai 30 anni per recuperare, attraverso la memoria civile, una dimensione politica di impegno e di cittadinanza – ha affermato Federica Fenili, consigliere di presidenza con delega ai giovani –, e per conoscere e approfondire alcune delle vicende che hanno attraversato in questi anni la storia del nostro Paese come occasione formativa per ripensare il presente. Ci auguriamo di trasmettere ai giovani, anche attraverso la complessità di una storia non ancora rielaborata, la consapevolezza di come la conoscenza possa essere lo strumento per confrontarsi con la realtà».

La proposta delle Acli di Bergamo non è la prima rivolta ai giovani: «Già negli scorsi anni avevamo organizzato degli incontri formativi sulle tematiche dell’introduzione alla politica, della legalità, della Costituzione – ha continuato Fenili –, percorsi alla scoperta delle realtà solidali presenti sul territorio di Bergamo e non solo. Un progetto culminato nella due giorni, effettuata lo scorso 2 giugno, in cui abbiamo visitato, per il cinquantesimo anniversario della morte di Don Milani, la scuola di Barbiana».

Cinque le mete del percorso, si parte appunto domenica 12 novembre con il primo appuntamento: Il disastro del Vajont. Quello che accadde la sera del 9 ottobre 1963.

«Questa prima tappa, attraverso la visita dei luoghi del disastro della diga del Vajont, ci spingerà ad interrogarci sulla gravità di questa tragedia ambientale e umana: un’occasione per fare i conti con il nostro passato – ha detto Corrado Maffioletti, collaboratore –. Un’opportunità per introdurci in tematiche che approfondiremo nelle mete successive: la gestione del potere e il rapporto che intercorre fra potere e territorio».

Durante la giornata, si visiteranno i paesi di Longarone e Erto, con relative tappe al museo Attimi di storia e alla chiesa monumentale, all’intero coronamento della diga e al Cimitero monumentale delle vittime del Vajont.

«La visita a Longarone e Erto ci permetterà di entrare direttamente nelle vicende della Storia – ha detto Enrica Mensi, collaboratrice –, anche attraverso le parole dei testimoni che hanno vissuto sulla loro pelle il disastro del Vajont. I giovani che parteciperanno saranno preparati alla visita attraverso libri, video e articoli di giornali inerenti alla tragedia di cinquantaquattro anni fa».

 

Il programma prevede:

Domenica 12 novembre 2017
IL DISASTRO DEL VAJONT
Quello che accadde la sera del 9 ottobre (1963)

Domenica 14 gennaio 2018
VIAGGIO A MILANO
La strage di Piazza Fontana (1969)
Giorgio Ambrosoli, l’eroe borghese (1979)

Domenica 11 marzo 2018
VIAGGIO A BRESCIA
La strage di Piazza della Loggia (1974)

Domenica 13 maggio 2018
VIAGGIO A BOLOGNA
Il museo della memoria di Ustica (1980)
La strage alla stazione (1980)

Estate 2018
VIAGGIO IN FRIULI
Date da definire

Costo di iscrizione per ogni singolo viaggio: 30€
Costo di iscrizione complessivo per le quattro giornate: 100€
Il programma di ciascun viaggio verrà comunicato direttamente agli iscritti.

Per informazioni: tel. 035 210284, email aclibergamo@gmail.com, facebook.com/aclibergamo, www.aclibergamo.it

Sfoglia la locandina dell’intero percorso

Partono da Bergamo i “Viaggi nella memoria civile”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR