D: Ero obbligato a fare la dichiarazione dei redditi 2022 ma non l’ho presentata entro il termine del 30 novembre. Riceverò una sanzione? Un accertamento? Posso rimediare?

Sì certo, è possibile rimediare perché c’è un margine di tolleranza entro i 90 giorni successivi alla scadenza ordinaria del 30/11. In pratica dal 1° dicembre 2022 al 28 febbraio 2023, l’Agenzia delle Entrate accetta comunque le dichiarazioni in qualità di modelli cosiddetti “tardivi”. Tali modelli sono quindi validi a tutti gli effetti come normali dichiarazioni presentate nei termini. L’unica differenza sta nella sanzione e negli eventuali interessi di imposta: difatti in caso di dichiarazione tardiva senza imposta dovuta la sanzione è fissa a 25 euro, mentre in caso di dichiarazione con imposta dovuta si dovranno versare, oltre al tributo, anche gli interessi calcolati a partire dal termine ordinario del 30/11, più la sanzione per omesso versamento, anch’essa calcolata a seconda del momento in cui avviene la tardiva regolarizzazione. Per avere assistenza è possibile fare riferimento al Contact Center CAF ACLI 02.800.22.800 oppure ai nostri uffici territoriali, altrimenti è possibile usufruire della nostra consulenza online tramite l’area riservata myCAF.